La Omnia Servitia di Lanciano si è aggiudicata l’appalto per il Covid Hospital di Pescara

La Omnia Servitia, società della holding che fa capo all’imprenditore Antonio Colasante e che ha sede operativa nella zona industriale di Lanciano, è l’azienda che si è aggiudicata l’appalto per la realizzazione del Covid Hospital di Pescara, nell’ambito della procedura indetta, con urgenza, dalla Regione Abruzzo.

L’azienda, si legge in una nota diffusa dall’ufficio stampa, si è collocata al primo posto della graduatoria redatta all’esito dell’apertura delle offerte pervenute. Il Covid Hospital nascerà nella palazzina dell’ex Ivap, di proprietà dell’Azienda sanitaria locale di Pescara e sarà dotato di 214 posti letto, di cui 174 per la degenza e 40 di terapia intensiva, da attivare gradualmente.

“Siamo orgogliosi – dice Gianluca Di Loreto, ingegnere, direttore operativo della Omnia Servitia e coordinatore dello staff tecnico del progetto – di poter dare il nostro contributo per la realizzazione di un’opera importante per l’intero Abruzzo. Siamo già al lavoro per poter procedere, in tempi record, alla realizzazione dell’opera, che dev’essere conclusa entro 90 giorni dalla presa in consegna. Questa struttura, dedicata al settore Infettivi, – aggiunge – è più che necessaria in virtù dell’emergenza che stiamo affrontando e risulterà utile anche in futuro, una volta terminata l’emergenza Covid 19, dato che andrà ad arricchire il patrimonio della sanità regionale”.  “Abbiamo creduto tanto in questo progetto: il suo valore aggiunto sta nella propria utilità sociale”, afferma invece Colasante.     

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Pubblica Amministrazione, solo nel 28% degli enti locali si fanno pratiche on line

Nel 2022 l’Italia e’ al 24 posto tra i Paesi dell’Unione europea per il grado …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.