Pensioni in Italia, la spesa cresce di 65 miliardi di euro nei prossimi 4 anni

Nei prossimi quattro anni la spesa per le pensioni in Italia è destinata a crescere di quasi 65 miliardi di euro, in aumento del 22% rispetto al 2022. E’ quanto emerge dai dati elaborati in un’indagine del Centro studi di Unimpresa, in cui si spiega come il costo totale degli assegni pensionistici si attesterà a 318 miliardi nel 2023, in crescita di 21 miliardi (+7%) sullo scorso anno. Il saldo – si osserva – salirà quindi nei tre anni successivi, rispettivamente di 22 miliardi, 10 miliardi e 11 miliardi, per arrivare a quota 362 miliardi a fine 2026. Complessivamente, la spesa per le pensioni, che nel 2022 valeva il 15,6% del pil, attesa al 15,8% quest’anno, arriverà al 16,1% del pil a fine 2026. “È questo, dunque, il quadro di finanza pubblica nell’ambito del quale il governo deve muoversi per mantenere gli impegni recentemente assunti in termini di revisione degli importi destinati ai pensionati. Interventi sulle pensioni – osserva il presidente di Unimpresa, Giovanna Ferrara – sono imprescindibili, ma occorre ragionare sui numeri per evitare di cullarsi su promesse poco realizzabili. Il governo ha annunciato misure che hanno un costo di 10 miliardi sulle casse dello Stato, ma la disponibilità effettiva, al momento, è di appena un paio di miliardi. La traiettoria della spesa, senza queste nuove misure, è già in forte aumento e il sentiero, pertanto, è particolarmente stretto”

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Dai permessi per costruire 1,7 miliardi per l’Erario

In Lombardia non si arresta il boom della crescita immobiliare, a Milano come altrove, e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *