Quintuplicate le richieste di fringe benefit da parte delle aziende nel 2022

Quintuplicate le richieste di fringe benefit da parte delle aziende nel 2022, complice anche l’innalzamento a 3000 euro della quota esentasse. Si osserva anche un marcato aumento delle preferenze per i voucher digitali che hanno sfiorato il 26% contro il 7% del 2021. Le voci più richieste restano i buoni spesa e benzina. E’ quanto emerge sull’uso dei fringe benefit da un’analisi Edenred Italia. ”I dati suggeriscono che sia oggi più che mai necessario stabilizzare questi strumenti di welfare a livello normativo”, commenta Fabrizio Ruggiero, amministratore delegato di Edenred Italia. Il messaggio che emerge, infatti, è che i fringe benefit, se inseriti in un quadro più ampio di welfare, possano rappresentare un aiuto concreto per tutelare il potere di acquisto delle famiglie che oggi si trovano a fronteggiare aumenti vertiginosi del costo della vita”, aggiunge l’amministratore delegato. In questa direzione va anche l’aumento di 200 euro dei buoni benzina: ”Un segnale importante – conclude Ruggiero – che porta la questione fuori dall’emergenza per cominciare a ragionare sugli strumenti del welfare in un’ottica di complementarietà”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Hotel, tariffa media della camera doppia aumentata del 10,9 per cento nel 2023

Nel 2023 la tariffa media giornaliera in Italia per una camera doppia in hotel è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *