Revisione dei mezzi pesanti, Pescara ha i minori tempi di attesa secondo la Cna Fita

I tempi di attesa per la revisione dei veicoli pesanti restano “un punto dolente”.

Lo afferma Cna Fita (Federazione italiana trasportatori artigiani) che ha mappato la situazione attraverso i suoi associati di tutta Italia. La Legge di Bilancio 2019 – ricorda Cna – ha permesso ai centri privati di revisione titolari di apposita autorizzazione di effettuare le revisioni dei veicoli pesanti destinati al trasporto di merci non pericolose o non deperibili in regime di temperatura controllata e dei relativi rimorchi e semirimorchi. “Le opportunita’ offerte avevano acceso tra gli autotrasportatori la fiammella della speranza per dimenticare i ritardi biblici delle revisioni negli uffici della Motorizzazione e i costi (e i ritardi) delle sedute esterne, che hanno comunque bisogno degli ispettori della Motorizzazione. E arrivano a costare quattro volte la tariffa della revisione presso gli uffici della Motorizzazione civile (da 45 a 180 euro a mezzo) principalmente per l’incidenza della trasferta del personale pubblico. Ma lungaggini amministrative, addirittura scioperi e altre iniziative di protesta contro l’apertura del servizio ai privati, di cui non si comprende la necessita’ visti i ritardi causati dagli uffici pubblici, stanno facendo sfumare le speranze accese dalla Legge di Bilancio 2019”.

Dove l’organico e’ adeguato, le revisioni vengono garantite in tempi accettabili. “Si spiega cosi’ che Pescara detiene il primato per i minori tempi di attesa: due sole settimane per il trasporto merci, un mese per gli autobus da oltre nove posti di capienza. Positivamente per celerita’ di risposta anche gli uffici di Modena, Torino, La Spezia, Bolzano, Genova. Il resto d’Italia e’ un pianto. Quasi dappertutto difficilmente i tempi di revisione scendono sotto i tre mesi, come dimostrano i casi record di Perugia, Padova, Rovigo. Sul versante degli autobus maglia nera a Massa Carrara (con circa dieci mesi di attesa). Con Livorno, Ferrara, Terni, Cremona, Reggio Emilia, Piacenza, Arezzo, Lucca-Pisa a seguire nella poco apprezzabile graduatoria degli uffici che impiegano oltre 90 giorni a espletare le pratiche di revisione”

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Pagamenti online, carenze e ritardi nei rimborsi

 Rimborsi negati, carenze nell’esecuzione e lacune nell’informazione alla clientela. La Banca d’Italia richiama banche, Poste …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *