Il caffè protegge dalle malattie epatiche croniche, studio UK

Bere caffè potrebbe avere un effetto protettivo contro le malattie epatiche croniche, compreso il cancro. E’ quanto emerge da uno studio britannico dell’Università di Southampton pubblicato sulla rivista BMC Public Health. Le malattie del fegato sono in aumento, soprattutto la cosiddetta malattia del fegato grasso, caratterizzata dall’accumulo di grasso nel fegato con noti fattori di rischio come il diabete (DM2) e l’obesità. La steatosi epatica non alcolica può progredire gravemente fino alla fibrosi, alla cirrosi o persino al cancro del fegato (carcinoma epatocellulare). Alcuni studi hanno suggerito un relativo effetto protettivo del caffè contro il rischio di malattie croniche del fegato, dopo aver osservato che i consumatori regolari hanno meno marcatori (enzimi) che indicano una funzione epatica problematica. Il team dell’Università di Southampton ha approfondito l’argomento analizzato i dati di mezzo milione di persone, di età compresa tra 40 e 69 anni, seguiti per un periodo medio di 10 anni. Il loro consumo abituale di caffè era noto, mentre ai ricercatori è stato dato accesso alle loro cartelle cliniche. Il risultato dell’analisi mostra che, rispetto ai non consumatori, i bevitori giornalieri di caffè hanno un rischio significativamente ridotto (-20%) di sviluppare malattie croniche del fegato, che si tratti di una malattia del fegato grasso non alcolica o di un cancro.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Supermulte in arrivo per i ‘furbetti’ dei parcheggi rosa

Parcheggi riservati alle donne in gravidanza e ai genitori con bebe’ a bordo e multe …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *