L’abito regalato alla star vale solo come spesa di rappresentanza

I costi sostenuti per la cessione gratuita a vip dei capi d’abbigliamento griffati, da parte della nota casa di moda che li ha prodotti, integrano spese di rappresentanza, solo parzialmente deducibili, e non di pubblicità o propaganda, interamente deducibili. Il “taglio” integrale dall’imponibile, inoltre, non può essere giustificata sulla base della sola sussistenza del presupposto dell’inerenza all’attività d’impresa. Lo ha chiarito, come ricorda la rivista online Fisco Oggi, la Cassazione nella sentenza n. 13100 del 30 giugno 2020

Con avviso di accertamento notificato a una società di alta moda, l’ufficio ha rettificato il valore della produzione netta, recuperando a tassazione Irap per l’anno d’imposta 2004 (anche) i costi di public relations resi da società terze, di nazionalità britannica e statunitense, e ritenuti deducibili in 5 anni, nei limiti di un terzo del loro ammontare, in quanto “spese di rappresentanza”. Si trattava di somme corrisposte dalla griffe italiana per la cura dei rapporti con la stampa locale, per l’assistenza e la consulenza prestate nel campo della definizione e della realizzazione di politiche pubblicitarie, attinenti allo sviluppo e all’incremento della conoscenza del marchio nei principali mercati in cui la stessa società operava (Usa e Regno Unito). I giudici di merito, tuttavia, hanno aderito alla qualificazione dei costi fornita dalla contribuente in termini di “spese di pubblicità”. La Commissione provinciale, infatti, ha ritenuto che “…le società interessate curavano, tra altre attività, i rapporti con la stampa mediante sviluppo di relazioni con giornali specializzati e non, e con emittenti televisive, nonché assistenza e consulenza per la definizione e realizzazione di politiche pubblicitarie, curavano la organizzazione di eventi quali sfilate e inaugurazioni di boutiques; pertanto?non si trattava di pubblicizzazione del marchio, ma vere e proprie prestazioni di servizi strettamente correlate ai ricavi”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Caro-affitto per il Covid, il giudice impone lo sconto

Un ristoratore del centro storico di Roma, in difficolta’ finanziaria per la crisi da coronavirus, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *