Banca Dati Strutture Ricettive, anche l’Abruzzo partecipa alla fase sperimentale

Da oggi, dopo Puglia e Veneto, anche l’Abruzzo partecipa alla fase sperimentale della Banca Dati Strutture Ricettive (Bdsr). I cittadini possono quindi accedere, tramite Spid o Cie, all’apposita piattaforma online (https://bdsr.ministeroturismo.gov.it/) e richiedere il Codice Identificativo Nazionale (Cin) da utilizzare per la pubblicazione degli annunci e per l’esposizione all’esterno delle strutture e degli immobili. Si ricorda che gli obblighi, le sanzioni e le altre disposizioni inerenti alla Bdsr saranno applicabili solo a partire dal sessantesimo giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dell’avviso di entrata in funzione della banca dati a livello nazionale, prevista non oltre il 1 settembre 2024. In questa prima fase di avvio, quindi, non sono previste sanzioni ed è consentito ai cittadini che lo desiderano di adeguarsi agli obblighi correlati al Cin. A oggi, il numero di Cin assegnati è salito a 2.766.

immagine di repertorio

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Inps, 700 mila domande accolte per l’Assegno di inclusione

Al 30 giugno 2024 sono state accolte quasi 700mila domande relative all’Assegno di inclusione (Adi), …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *