Cgia,123mila nuovi posti nell’ultima parte dell’anno

Nell’ultima parte dell’anno si potra’ contare su 123 mila nuovi occupati e 36 mila disoccupati in meno. Lo stima l’Ufficio studi della Cgia di Mestre sulla base dei dati previsionali Istat e Prometeia. Nonostante le previsioni siano positive, nel confronto con il secondo semestre del 2016, il gap, rispetto al 2007 (anno pre-crisi), rimane ancora importante. Rispetto a 10 anni fa, infatti, lo stock medio degli occupati nel secondo semestre di quest’anno sara’ inferiore di 142.000 unita’ mentre i disoccupati saranno 1.447.000 in piu’. 

Se, ad esempio, nel 2007 il tasso di disoccupazione era al 6,1 per cento, quest’anno si attestera’ all’11,4 per cento: una quota quasi doppia al dato pre-crisi. Trainata da una congiuntura internazionale favorevole, la ripresa economica in atto comincia a dare qualche segnale positivo, secondo gli Artigiani di Mestre, anche sul fronte del mercato del lavoro. “Se dal prossimo 1 gennaio terminera’ la politica monetaria espansiva, cioe’ il Quantitative Easing introdotto dalla Bce in questi ultimi anni, molto probabilmente assisteremo a un progressivo aumento dei tassi di interesse che innalzera’ il costo del nostro debito pubblico, mentre gli investimenti saranno meno convenienti. Per un Paese come il nostro che ha uno dei debiti pubblici in rapporto al Pil tra i piu’ elevati al mondo – afferma il segretario della Cgia Renato Mason – lo scenario prossimo futuro rischia di risultare, in termini di principali indicatori economici, ancora troppo lontano rispetto all’apice economico di 10 anni fa”. Dalla Cgia, infatti, ricordano che rispetto al 2007 si devono recuperare un differenziale di 3,4 punti percentuali di consumi delle famiglie, di 5,9 punti di Pil, di 7,3 punti di reddito disponibile delle famiglie e di 24,8 punti di investimenti (pubblici e privati). Nonostante nell’ultima parte dell’anno il mercato del lavoro dara’ luogo ad alcuni effetti positivi, a giugno 2017 erano circa 145 i tavoli di crisi aperti presso il Ministero dell’Economia e dello Sviluppo Economico: 26 interessavano l’industria pesante, 14 il settore delle telecomunicazioni/software, undici la componentistica elettrica/elettronica e altrettanti nel tessile-abbigliamento-calzature e arredo. A livello regionale, invece, gli stabilimenti (non le aziende) in stato di crisi erano 37 in Lombardia, 29 nel Lazio e sia in Campania che in Veneto 24. Dei 145 tavoli, nove riguardano aziende presenti sull’intero territorio nazionale. “Senza contare – prosegue Paolo Zabeo dell’ufficio studi Cgia – le migliaia di piccolissime imprese e di artigiani che sempre piu’ a corto di liquidita’, a causa della stretta creditizia praticata dalle banche e dai ritardati pagamenti decisi dai committenti, rischiano, nel silenzio piu’ totale, di chiudere definitivamente i battenti”. In merito all’ipotesi avanzata dal Governo di introdurre un nuovo provvedimento che dal 2018 agevoli l’assunzione dei giovani attraverso una forte decontribuzione previdenziale, gli Artigiani di Mestre ricordano che negli ultimi anni il cuneo fiscale e’ stato “tagliato” in misura strutturale di 13,3 miliardi di euro l’anno (di cui 8,9 attraverso il bonus Renzi e di altri 4,3 miliardi con l’eliminazione dell’Irap dal costo del lavoro per i dipendenti assunti con un contratto a tempo indeterminato). Oltre a cio’, il cuneo e’ stato ulteriormente alleggerito in via temporanea di altri 15 miliardi di euro grazie agli sgravi contributivi a carico delle aziende che hanno dato luogo ad assunzioni a tempo indeterminato nel 2015 e nel 2016. “Forse – conclude Zabeo – sarebbe piu’ opportuno intervenire tagliando l’Irpef. I posti di lavoro si creano se riparte l’economia, se con piu’ soldi in tasca le famiglie tornano a sostenere la domanda interna e non attraverso misure artificiose. Intervenendo sull’imposta sui redditi delle persone fisiche, inoltre, ne trarrebbero vantaggio anche i pensionati e i lavoratori autonomi che, purtroppo, in questi ultimi anni non hanno beneficiato di alcun vantaggio fiscale”

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Sono 5450 i tesori del Made in Italy alimentare

Sono 5450 i tesori del Made in Italy alimentare censiti, messi a rischio dall’esplosione dei …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *