Col Covid danni per 1.200 milioni per gli agriturismi

E’ un conto salatissimo quello che ha pagato l’agriturismo italiano per il Covid, pari a oltre milleduecento milioni di danni, senza contare le perdite sulle vendite dirette. A lanciare l’allarme e’ il presidente di Agriturist, Augusto Congionti, l’associazione che riunisce gli agriturismi di Confagricoltura, secondo il quale occorre puntare su un piano strutturale di ripresa e rilancio che promuova le peculiarita’ uniche dell’offerta degli agriturismi italiani.

La Liguria denuncia meno 60% tra ospitalita’, ristorazione e vendita diretta e l’azzeramento di eventi e attivita’ con le fattorie didattiche. In Piemonte l’assenza di turisti, la mobilita’ limitata e l’annullamento di fiere e manifestazioni hanno annientato i timidi segnali di ripresa. In Veneto le perdite medie sono del 75%, piu’ accentuate nelle strutture di montagna, terme e citta’ d’arte. Analoga situazione in Emilia Romagna, dove le aziende collinari e montane hanno registrato -90%, mentre quelle situate vicino alle citta’ sono attorno al 35%, grazie all’asporto e al turismo di lavoro. La Toscana lamenta perdite con punte superiori all’80% per l’ospitalita’ in fattoria. Se le Marche, ancora provate dal terremoto, stimano cali medi dell’80%, in Abruzzo la perdita e’ di circa il 40% destinata ad aumentare. Nel Lazio -35% per le vendite dirette e -70 per gli altri comparti, In Campania i cali vanno dal 70% all’80%, con perdita secca per eventi, cerimonie e fattorie didattiche. La Puglia segnala -70% ottenuto grazie alle presenze in luglio agosto e settembre. In Calabria il calo medio e’ dell’80% e i piu’ penalizzati sono gli agriturismi in montagna e collina. Le perdite per il settore, in Sicilia, oscillano tra l’80 e il 95%, con il 90% degli agriturismi e’ temporaneamente chiuso e il 20% non e’ certo di riaprire per questa stagione

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Legambiente, ogni cento metri lineari di spiaggia c’e’ una media di 783 rifiuti

Ogni cento metri lineari di spiaggia c’e’ una media di 783 rifiuti; di questi la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *