Coldiretti, 1 italiano su 4 tra pentole e vasetti

Dopo l’esperienza casalinga accumulata nel lungo periodo di lookdown con l’inizio dell’autunno in quasi una famiglia italiana su quattro (24%) ci si mette quest’anno al lavoro tra pentole e vasetti nella preparazione di conserve fatte in casa anche per riempire la dispensa e non farsi cogliere impreparati da un eventuale peggioramento della situazione. E’ quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixe’ presentata al Mercato di Campagna Amica del Circo Massimo a Roma dove, con nutrizionista ed esperti. i cuochi contadini si sono messi al lavoro per aiutare i cittadini nelle attivita’ di preparazione, dalla passata di pomodoro alle marmellate di frutta fino ai sottolii e ai sottaceti. “La preparazione delle conserve in casa secondo una tradizione del passato – sottolinea la Coldiretti – sembrava destinata a perdersi ed e’ invece tornata di grande attualita’ con la pandemia, con le lunghe settimane di lockdown e lo smart working che hanno fatto riscoprire agli italiani la voglia di cucinare per effetto del maggior tempo fra le mura di casa. Non a caso la spesa alimentare nelle case e’ aumentata di 10 miliardi di euro nel 2020 secondo una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Ismea relativi al primo semestre.” “Il risultato – continua la Coldiretti – e’ il ritorno di comportamenti virtuosi che si esprimono anche nei riti settembrini della preparazione delle conserve fai da te, con intere giornate trascorse per recuperare il prodotto, pulirlo, lavorarlo, cucinarlo, metterlo in vaso e riempire la dispensa”

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Istat, con la crisi Covid aumenta il divario tra Nord e Sud

La crisi scatenata dalla pandemia di coronavirus ha accentuato il divario tra le aree geografiche …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *