EY Italian Macroeconomic Bulletin, per l’Italia attesa una crescita dello 0.6 per cento nel 2023

EY Italian Macroeconomic Bulletin ha analizzato le principali variabili macroeconomiche, le dinamiche internazionali, gli indicatori congiunturali, elaborando un quadro della situazione attuale dell’economia italiana e fornendo previsioni a medio termine, sulla base di un nuovo modello macroeconometrico proprietario, realizzato in collaborazione con il dipartimento di scienze economiche dell’università di Bologna. Per l’Italia la crescita attesa per il 2023 è dello 0,6% contro il 3,8% del 2022, il tasso d’inflazione l’anno prossimo dovrebbe scendere dall’8,2% al 7,1%, il deficit pubblico stimato passerebbe dal 5% al 4,1%, il tasso di disoccupazione si attesterebbe appena sotto l’8%. L’economia mondiale si trova in un periodo di grande incertezza emersa con la guerra in Ucraina con conseguenze che si riflettono sui principali indicatori macroeconomici. Ad esempio, il Prodotto Interno Lordo (PIL) reale mondiale nel 2023 dovrebbe crescere dell’1,3%, a fronte di una crescita del 3,1% nel 2022 e di una media dell’ultimo decennio del 2,7%. Non di meno il tasso di crescita dei prezzi, che nei Paesi Ocse registra un aumento atteso nel 2022 del 9,4%, circa sei volte superiore alla media del periodo 2013-2019. Il peso di un’inflazione così elevata incide particolarmente sui costi di produzione delle imprese, porta alla riduzione del reddito reale delle famiglie e costringe le Banche centrali a politiche monetarie restrittive con conseguente rallentamento dell’attività economica.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Istat, nel 2020 +14,7% di decessi rispetto alla media

Nel 2020 ci sono stati 746.324 decessi, 108.496 casi in eccesso rispetto alla media del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *