Il debito delle Amministrazioni pubbliche è stato pari a 2.229,4 miliardi

A novembre il debito delle Amministrazioni pubbliche è stato pari a 2.229,4 miliardi, in aumento di 5,6 miliardi rispetto al mese precedente. Lo indica il Supplemento ”Finanza pubblica, fabbisogno e debito” della Banca d’Italia. L’incremento è dovuto al fabbisogno mensile delle Amministrazioni pubbliche (7,1 miliardi), parzialmente compensato dalla diminuzione delle disponibilità liquide del Tesoro; l’effetto complessivo degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione del cambio dell’euro ha marginalmente aumentato il debito (0,1 miliardi), spiega Bankitalia. Con riferimento ai sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 5,7 miliardi, quello delle Amministrazioni locali è diminuito di 0,1 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è rimasto pressoché invariato, conclude la nota.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Pesca, Coldiretti lancia l’allarme sul pesce italiano

 La drastica riduzione delle giornate di pesca ad appena 109 giorni all’anno imposta dall’Unione Europea …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *