Il rafforzamento della ferrovia Roma – Pescara nel piano di ripresa italiano

L’intervento sulle infrastrutture per la mobilita’ previsto nel Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza si pone obiettivi “ambiziosi in termini di connettivita’, sicurezza, decarbonizzazione, digitalizzazione e sostenibilita’ dei trasporti, nel rispetto del principio del ‘do not significant harm’ che esclude dal finanziamento europei investimenti infrastrutturali che provocano effetti negativi sull’ambiente”. E’ quanto si legge nella bozza del Pnrr all’esame dell’odierno del Consiglio dei ministri. La missione infrastrutturale punta a completare “entro il 2026, l’anno finale di Next Generation Eu, una prima e significativa tappa di un percorso di piu’ lungo termine verso la realizzazione di un sistema infrastrutturale moderno, digitalizzato e sostenibile dal punto di vista ambientale. Aggiungendo risorse a progetti gia’ esistenti e accelerandoli, nonche’ introducendone di nuovi, si puntera’ a realizzare e completare opere che fanno parte di progetti infrastrutturali europei o che vadano a colmare lacune che hanno sin qui penalizzato lo sviluppo economico del Paese e, in particolare, del Mezzogiorno e delle Isole”, aggiunge il testo

Sono previsti interventi di “velocizzazione e di incremento della capacita’ dei trasporti ferroviari per passeggeri e merci, lungo gli assi prioritari del paese Nord-Sud ed Est-Ovest, per favorire la connettivita’ del territorio ed il passaggio del traffico da gomma a ferro. In particolare, nel Nord del paese si potenzieranno le tratte ferroviarie Milano-Venezia, Verona-Brennero, Liguria-Alpi e Torino-Lione, migliorando i collegamenti con i porti di Genova e Trieste; nel Centro del paese si rafforzeranno due assi Est-Ovest (Roma-Pescara e Orte-Falconara) riducendo significativamente i tempi di percorrenza ed aumentando le capacita’”, spiega la bozza. Infine, “si estendera’ l’Alta velocita’ al Sud lungo le direttrici Napoli-Bari e Salerno-Reggio-Calabria, velocizzando anche il collegamento diagonale da Salerno a Taranto e la linea Palermo-Catania-Messina. Inoltre, sono previsti interventi di messa in sicurezza, contrasto e adattamento al cambio climatico e digitalizzazione della rete stradale che includeranno una forte componente di ammodernamento tecnologico, attraverso un sistema di monitoraggio digitale ed avanzato, che consenta di ridurre i rischi di dissesto e sismici, i rischi di incidenti, e di realizzare risparmi sulle future spese di manutenzione”

E ancora la bozza del Pnrr annuncia “una serie di interventi relativi al settore della logistica ed in particolare del sistema marittimo (…) per migliorare la competitivita’ dei porti italiani” con “la risoluzione dell”ultimo miglio’. A causa delle inefficienze del settore, le nostre imprese pagano, infatti, un extra costo della logistica superiore dell’11 per cento rispetto alla media europea”, precisa la bozza.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Inps, stabile il valore dell’assegno familiare e di maternità

L’indice Istat dei prezzi al consumo e’ diminuito nel 2020 dello 0,3% ma il valore dell’assegno familiare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *