Incidenti stradali, 520 morti nella fascia d’eta 5-26 anni

 In Italia nel 2019 si sono contati ben 520 morti e 62.636 feriti nella fascia d’eta’ 5-26 anni. Sono proprio i giovani la categoria piu’ coinvolta negli incidenti stradali. A conclusione della Decade of Action 2011-2020, l’Aci promuove “This is my Street”, la campagna nazionale per la Sicurezza Stradale realizzata in collaborazione con la Fia (Federazione Internazionale de l’Automobile). In linea con quanto affermato nella “3rd Global Ministerial Conference on Road Safety”, la campagna dell’Automobile Club d’Italia e’ finalizzata ad incrementare la cultura della sicurezza nei piu’ giovani per una mobilita’ sicura e sostenibile. A livello nazionale e mondiale, infatti, i giovani risultano i piu’ coinvolti negli incidenti stradali. Oggi e’ fondamentale, quindi, creare i presupposti per far si’ che i futuri utenti della strada siano in grado di adottare comportamenti piu’ sicuri e consapevoli per la tutela della propria salute e di quella altrui. Quattro gli obiettivi principali della Campagna:diffondere la conoscenza delle principali norme del Codice della strada tra pedoni, ciclisti, passeggeri di moto, scooter e auto; aumentare la conoscenza dei fattori di rischio degli incidenti stradali: importanza del fattore umano e pericolosita’ del traffico cittadino; migliorare la consapevolezza del fatto che il rispetto delle norme contribuisce, in modo determinante, a proteggere la propria e le altrui vite/salute; illustrare l’importanza e il corretto utilizzo dei dispositivi di sicurezza (casco, cinture, ecc.)

In Italia, infatti, gli ultimi dati sugli incidenti stradali elaborati da Aci e Istat riportano, nel 2019, 172.183 incidenti con 3.173 morti e 241.384 feriti. Se prendiamo in considerazione la fascia di eta’ 5-26 anni: 520 morti e 62.636 feriti. Tra i conducenti 343 morti e 35.963 feriti, tra i passeggeri e i pedoni rispettivamente 148; 22.179 e 29; 4.494.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Istat, con la crisi Covid aumenta il divario tra Nord e Sud

La crisi scatenata dalla pandemia di coronavirus ha accentuato il divario tra le aree geografiche …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *