La sostenibilità ambientale e sociale diventa valore reale per il brand

Quanto più la sostenibilità ambientale e sociale (Esg) è percepita dai consumatori tanto più la stessa si traduce in valore reale per il brand. E’ quanto emerge dal rapporto ‘Sustainability Perceptions Index’ realizzato da Brand Finance, società di ricerca, valutazione e consulenza strategica leader a livello mondiale, in collaborazione con International Advertising Association (Iaa) e presentato al World Economic Forum di Davos. Lo studio, unico nel suo genere, ha valutato quanto sia percepito come sostenibile ogni marchio, assegnando un ‘Sustainability Perceptions Score – dopo aver escluso l’impatto dei ricavi – per valutare quali marchi i consumatori ritengano essere i più impegnati in tema di sostenibilità. Il report ha indicato, così, che i principali marchi globali come Amazon, Tesla, Apple e Alphabet beneficiano di un valore aggiunto originato da un’attenta gestione in materia di reputazione e sostenibilità, che si traduce in un valor maggiore d’impresa di miliardi di dollari.

Il report mostra, infatti, che Amazon ha un valore di percezione della sostenibilità di 19,9 miliardi di dollari. Gli altri brand degni di nota che si posizionano in cima alla classifica sono Tesla (17,8 miliardi di dollari), Apple (14,65 miliardi di dollari) e Google (14,6 miliardi di dollari). Dallo studio, inoltre, emerge come il 62% dei consumatori sia attento e permeabile a quanto comunicano le aziende in materia di sostenibilità, ma al tempo stesso è giudice severo laddove il 79% ha anche affermato di aver ridotto l’utilizzo di un marchio avendo scoperto che quest’ultimo agiva in modo ‘non sostenibile’ . Tra i brand in vetta alla classifica Tesla, Ikea e Patagonia hanno ottenuto buoni risultati in un’ampia gamma di mercati così come si sono distinti i marchi inglesi Lush e The Body Shop o i brand francesi Yves Rocher e Michelin. Invece per incontrare i primi marchi italiani bisogna scorrere la classifica oltre il 70mo posto

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Inps, 700 mila domande accolte per l’Assegno di inclusione

Al 30 giugno 2024 sono state accolte quasi 700mila domande relative all’Assegno di inclusione (Adi), …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *