Uecoop, con palestre aperte 120 mila tornano al lavoro

Sono oltre 120 mila gli addetti di palestre e centri wellness che tornano al lavoro con la riapertura dopo un crack da quasi 9 miliardi di euro a causa dell’emergenza Covid nell’ultimo anno. Lo rendo noto l’Unione europea delle cooperative (Uecoop) in occasione della riapertura delle palestre nell’Italia tornata finalmente in giallo. Il settore del wellness e dello sport a livello nazionale – spiega Uecoop – vede coinvolti quasi 20 milioni di appassionati piu’ o meno continuativi. Ginnastica, fitness, body building, aerobica e sport acquatici coinvolgono quasi 1 italiano su 2 (46,2%) di quelli che praticano sport mentre il 23% gioca a calcio e il resto si dedica ad altre attivita’. Fra chi pratica sport – continua Uecoop – il 51,4% e’ laureato, il 36,8% e’ diplomato, il 21,2% ha un diploma di scuola media inferiore e il 7,3% ha la licenza elementare o non ha titoli di studio secondo l’Istat. Un esercito di appassionati che con la riapertura puo’ tornare a utilizzare abbonamenti gia’ pagati ma non utilizzati per il lockdown e le limitazioni anti contagio. Il comparto del wellness, fra aziende, associazioni e cooperative che gestiscono impianti sportivi, ha perso – stima Uecoop – quasi il 90% del fatturato annuo con istruttori a casa e macchinari e spazi inutilizzati.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Coldiretti, 7 italiani su 10 a caccia di sagre d’autunno

Sette italiani su dieci (70%) scelgono di partecipare a sagre, fiere e feste di Paese …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.