Aree interne, nasce la Scuola dei Piccoli Comuni contro lo spopolamento

Nasce la Scuola dei Piccoli Comuni, percorso di formazione e pratiche per le aree interne contro la marginalizzazione e lo spopolamento, che sarà presentata in via ufficiale domani 21 novembre alle 11 nel Comune di Castiglione Messer Marino. Tra gli ideatori dello strumento che mira al mantenimento e allo sviluppo dei servizi essenziali e di contrasto allo spopolamento delle aree interne italiane e in modo particolare di quelle appenniniche, c’è il professore Romano Pazzagli, direttore della Scuola dei Piccoli Comuni e docente dell’Università degli Studi del Molise. Con lui relazioneranno Nicholas Tomeo dell’Università degli Studi del Molise, Massimo Luciani direttore Anci Abruzzo e Sara Franceschelli dell’università ‘G. D’Annunzio’ di Chieti-Pescara. “I piccoli comuni – spiegano gli organizzatori – costituiscono la rete istituzionale di base dell’Italia, l’articolazione dello Stato più vicina alle comunità e ai territori. La Scuola dei Piccoli Comuni nasce sulla necessità di invertire il processo di marginalizzazione a cui sono stati soggetti per decenni, con un salto di qualità di cui i governi locali possono essere gli attori primari. Si tratta di ridare voce ai piccoli comuni per renderli protagonisti del proprio futuro e configurare paesi e campagne come laboratori di nuove pratiche sociali, economiche, culturali e ambientali”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

D’Alessandro (Italia Viva): nuova Margherita per un nuovo centro-sinistra

L’assemblea regionale di Italia Viva ha avviato la raccolta di firme per il referendum abrogativo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *