Bilancio, il Centrosinistra: “siamo riusciti a recuperare 12,5 milioni dai tagli”

“Con la nostra mobilitazione fino a notte fonda, siamo riusciti a recuperare 12,5 milioni di euro dai tagli indiscriminati che la maggioranza di centrodestra aveva deciso, cosi’ come abbiamo evitato il bavaglio istituzionale che la Giunta regionale intendeva applicare al Consiglio, esautorandone, di fatto, i poteri d’indirizzo e controllo”, cosi’ commentano Consiglieri regionali di centrosinistra i risultati della seduta consiliare dedicata al Bilancio conclusasi in piena notte. “Lo stralcio degli articoli 15 e 16 e la rimodulazione dell’articolo 6, rappresentano un risultato importante e una battaglia di legittimita’ che abbiamo condotto per migliorare il bilancio – rimarcano i consiglieri dei gruppi Pd, Abruzzo in Comune, Legnini Presidente e Gruppo misto – La maggioranza ha dovuto cedere sul taglio che non a caso avevamo definito “alla romana”, pari al 10 per cento di varie poste e ha ripristinato parte degli stanziamenti. Una battaglia di moralita’ che abbiamo combattuto e vinto per restituire dignita’ a molti settori, a partire dal sociale, istruzione, cultura, su cui, pero’, continuano a pesare tagli lineari dell’8 per cento a cui il governo regionale non ha saputo rinunciare, non avendo programmato un’alternativa valida a sostenere l’Abruzzo nel suo periodo piu’ difficile. Stralciato anche l’articolo 17. Molto abbiamo ottenuto, altro siamo pronti a rivendicare, ad esempio per i Comuni che attendevano lo scorrimento della graduatoria per poter utilizzare i preziosi fondi da destinare alla rigenerazione urbana: risorse che sono state cancellate, dopo che i gruppi di centrosinistra erano riusciti ad ottenere una quota per completare lo scorrimento dell’intero elenco. Questa sara’ una delle prime battaglie che ci interesseranno

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Sanità, confronto tra Asl e associazioni dei pazienti diabetici

Un confronto tra le associazioni che rappresentano i pazienti diabetici e le direzioni strategiche delle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *