Bilancio regionale, centrosinistra critico: non affronta e non incide sui veri problemi dell’Abruzzo +++ VIDEO +++

“Un bilancio calato dall’alto, che non affronta e non incide sui veri problemi dell’Abruzzo, come quello della decrescita demografica, per cui l’Abruzzo ha perso 56mila abitanti negli ultimi anni con una velocità doppia rispetto alla media nazionale, della fuga dei giovani under 40, del crollo dei dati sull’occupazione che registrano 20mila lavoratori in meno rispetto allo scorso anno. Nessuna azione degna di nota, purtroppo, rispetto a nuove politiche industriali regionali da mettere in campo per affiancare gli strumenti nazionali e sostenere la ripresa dell’economia e dell’industria, in cui il comparto dell’automotive, che sostiene le esportazioni abruzzesi, ha fatto registrare una brusca frenata. Un bilancio che esprime un fallimento, l’ennesimo di Marsilio e la sua Giunta.”, il commento dei consiglieri del PD, di Legnini Presidente, del Gruppo Misto e di Abruzzo in Comune, Silvio Paolucci, Dino Pepe, Pierpaolo Pietrucci, Antonio Blasioli, Americo Di Benedetto, Marianna Scoccia e Sandro Mariani, nella conferenza di fine anno a Pescara.

“L’esecutivo – prosegue la nota dei Consiglieri di opposizione – con colpevole ritardo, ha approvato in Giunta il Bilancio di Previsione e la Legge di stabilità il 22 dicembre 2022. Successivamente, gli atti sono stati assegnati al Consiglio solo il 29 dicembre, facendo saltare il calendario della sessione di bilancio inizialmente approvato. Oltre ai ritardi causati dal ritardo dell’approvazione da parte della Giunta lenta, la maggioranza ha dato ampio sfogo alla propria superficialità facendo saltare Commissioni e dibattito, dapprima per la mancata convocazione della Commissione e poi per la mancanza del numero legale. Una deriva evidente che dovuta anche ai ritagli di tempo che l’assessore al bilancio part-time dedica all’Abruzzo. Tale situazione ha azzerato discussione e confronto. Le forze di opposizione, così come anche gli stessi consiglieri di maggioranza che hanno stigmatizzato il comportamento della Giunta nelle diverse conferenze dei capigruppo, hanno avuto solamente 24 ore per visionare gli atti e votare. Un altro record negativo che denota l’incapacità di governo del centrodestra che ha anche totalmente la condivisione con le parti sociali, datoriali e i portatori d’interesse. Abbiamo criticato a lungo questa manovra, sia nel metodo, sia nel merito, depositato numerose proposte per affrontare alcuni temi cruciali come il sostegno a famiglie e  imprese per affrontare il caro energia, per cui la maggioranza ha riconosciuto i propri errori, ma con grande senso di responsabilità e senso di governo abbiamo evitato non alla maggioranza, ma alla Regione Abruzzo l’esercizio provvisorio, scenario che avrebbe arrecato un danno all’immagine della nostra Regione, alle fasce più deboli della popolazione e al settore produttivo abruzzese”

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Giunta regionale, prima seduta informale ma resta il nodo sottosegretario

“Oggi abbiamo avuto la prima seduta informale della nuova Giunta regionale. È stato un momento …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *