Blasioli: crisi idrica ma all’Aca si pensa agli incarichi

Il consigliere regionale del Pd Antonio Blasioli critica la politica dei vertici dell’Aca di Pescara. “Da mesi 110mila famiglie di 22 comuni del pescarese e del chietino sono costrette a fare i conti e convivere con la crisi idrica e i disagi per la mancanza d’acqua mentre il Cda pensa agli incarichi. Dalla lettura di alcuni atti di cui siamo venuti in possesso, ovvero dei lavori del Cda, abbiamo visto che non e’ stata presa in considerazione la risoluzione di questa emergenza, guardando ad altro. Aca pensa agli incarichi e alle persone che verranno assunte. Il verbale invece dimostra nero su bianco che c’e’ una grande crisi di liquidita’ per quanto riguarda il secondo trimestre, dovuto alla pandemia e nel terzo trimestre con una previsione nefasta per il problema della siccita’, e in questa situazione l’Aca delibera di sottoporre ai sindaci il raddoppio delle figure di direttore generale da uno a due, concorsi per dirigenti e la permanenza oltre i limiti di legge di una figura professionale, un ingegnere di 67 anni. che si occupa delle gare e che il Cda nella stessa seduta ritiene infungibile benche’ ci siano negli organici altri professionisti che possono ricoprire lo stesso incarico”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Approvato il progetto di legge per gli eventi del centenario del Parco Nazionale d’Abruzzo

La V Commissione “Salute, sicurezza sociale, cultura, formazione e lavoro” ha espresso, questa mattina, parere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.