Blasioli (Pd) accusa la maggioranza: disposto il condono preventivo dei sottotetti

“Da tempo l’attivismo della maggioranza di centrodestra in Regione si va concentrando sull’urbanistica”. E’ quanto si legge in una nota del consigliere regionale del Pd Antonio Blasioli. “Lo abbiamo appurato con le modifiche al decreto sviluppo, che hanno determinato la possibilità di ulteriori incrementi di volumetria in caso di demolizione e ricostruzione, dietro la scusa di maggiori interventi di efficientamento energetico. Lo stiamo vedendo con la proposta di delocalizzare le cubature di immobili presenti in zone agricole o vincolate in altre aree urbanizzate, senza nemmeno prevedere l’implemento dei servizi necessari e concedendo persino premi di cubatura che vanno ad aumentare quelle volumetrie. Pensavamo fosse stato toccato l’apice, ma nel Consiglio Regionale di martedì, invece, si è arrivati al “condono preventivo”. Perché di questo si tratta, come si evince dalla lettura dell’emendamento presentato e approvato dall’Aula col voto contrario del centrosinistra, che, modificando la Legge 10/2011, consente il recupero abitativo (condono) dei sottotetti, con riferimento però non a quelli già costruiti entro una specifica data, bensì a tutti gli edifici, compresi quelli in costruzione o che saranno costruiti in futuro, dopo un anno dall’ottenimento dell’agibilità. Cosa vuol dire questo in parole semplici. I recuperi abitativi dei sottotetti con specifiche caratteristiche non sono affatto una novità, ma la possibilità veniva accordata annualmente dal Consiglio Regionale e riguardava ciò che era già realizzato. In sostanza, chi realizzava i sottotetti non aveva la certezza di poterli vendere come appartamenti o di ottenerne l’abitabilità. Insicurezza che ora è stata cancellata, perché, in virtù di questo provvedimento, chi vuole costruire un palazzo o lo sta costruendo adesso sa già anticipatamente che, nel caso i locali sottotetto soddisfino determinate caratteristiche, a distanza di un anno dall’ottenimento dell’agibilità potrà certamente utilizzarli o venderli come residenziali”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Chieti ha diminuito del 40 per cento i costi degli eventi e delle luminarie

Il Comune di Chieti ha diminuito del 40 per cento i costi degli eventi e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *