Chieti, nuovo appalto da 70 milioni di euro per i rifiuti

Realizzazione di isole ecologiche a scomparsa nel centro storico per migliorare la raccolta differenziata, utilizzo di una fitta rete di videocamere e di droni per combattere il fenomeno delle discariche abusive, realizzazione di un Centro di Riuso. E ancora: una citta’ piu’ pulita e intensificazione dei controlli, gestione del Piano Neve e delle aree verdi. Sono i punti qualificanti del nuovo appalto per la gestione dell’Igiene Urbana della citta’ di Chieti illustrati questa mattina dall’assessore all’ambiente e igiene urbana Alessandro Bevilacqua e dal dirigente comunale ing. Paolo Intorbida. Costo dell’appalto 70 milioni di euro per una durata di sette anni piu’ uno. Le offerte delle ditte che intendono partecipare al bando pubblici dovranno pervenire al Comune di Chieti entro il prossimo 7 novembre. 

‘Un appalto il cui obiettivo e’ quello di migliorare il servizio e tornare a raggiungere il 65% di raccolta differenziata – ha evidenziato Bevilacqua – Con il nuovo appalto contiamo di risolvere le lacune riscontrate nel precedente capitolato, in particolare nel centro storico dove il servizio porta a porta non ha prodotto i risultati sperati. Per dare soluzione a tale problematica a Soprintendenza ai Beni Archeologici e’ stata incaricata di redigere una mappatura del sottosuolo per verificare la possibilita’ di realizzare delle isole ecologiche a scomparsa senza interferire con eventuali reperti. Il controllo del territorio sara’ uno degli elementi che caratterizzera’ la nuova gestione anche attraverso l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia grazie ad un sistema di videosorveglianza e all’utilizzo dei droni per quelle aree piu’ critiche e difficilmente raggiungibili per combattere senza sosta il fenomeno delle discariche abusive – ha aggiunto Bevilacqua. Saranno intensificati lavaggi e spazzamento manuale delle strade, grande attenzione alle classi meno abbienti verrà con la realizzazione di un centro di riuso e di baratto. Centro di Riuso grazie al quale beni altrimenti destinati alla discarica, potranno essere riutilizzati come, ad esempio, apparecchiature tecnologiche e vestiario. Tra gli aspetti innovativi, l’inserimento nel capitolato d’appalto anche della gestione, a carico dell’aggiudicatario, del Piano Neve, che consentira’ una ottimizzazione delle risorse e una piu’ efficace pulizia delle strade in caso di abbondanti precipitazioni nevose, e delle aree verdi”. 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Fondi UE, Target di spesa raggiunti anche per il 2022

Nella spesa dei Fondi europei – Fesr, Fondo europeo di sviluppo regionale e FSE, Fondo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *