Chieti, Teateservizi gestirà i parcheggi

Sara’ la societa’ partecipata pubblica Teateservizi a gestire dal primo maggio tutti i parcheggi a pagamento di Chieti, sia a raso che coperti, e la scala mobile. Lo ha reso noto il sindaco del capoluogo teatino Umberto Di Primio al termine di una riunione tenutasi nel pomeriggio alla quale hanno preso parte l’assessore agli affari legali, Maria Rita Salute, il segretario generale dell’ente Celestina Labbadia, i funzionari dell’ufficio lavori pubblici e Legale e l’amministratore unico di Teateservizi Carlo Festa. All’affidamento a Teateservzi si e’ giunti dopo la risoluzione del contratto con la societa’ Blu Parking e la consegna da parte di quest’ultima al Comune, avvenuta questa mattina, delle strutture coperte, e la disattivazione dei parcometri. Il Comune ha reso noto che nelle more della definitiva organizzazione del servizio, e del tempo necessario all’acquisto dei nuovi dispositivi di controllo della sosta veicolare, la gestione dei parcheggi cittadini verra’ disciplinata in questo modo: tutti i parcheggi a raso saranno gratuiti fino al prossimo 19 maggio vista anche la concomitanza delle festivita’ patronali e dei giorni festivi. Per quanto riguarda tutti i parcheggi coperti cittadini ovvero via Papa Giovanni XXIII, via S. Olivieri e via Gran Sasso, sara’ garantita h24 la vigilanza a tutela degli impianti. Coloro che intendono rinnovare l’abbonamento per il mese di maggio potranno farlo recandosi presso gli uffici della Teateservizi, in piazza Carafa, a Chieti Scalo, entro l’8 maggio. Il rinnovo sara’ effettuato previa esibizione della ricevuta di pagamento relativa alla mensilita’ di aprile 2019. Quanto alla scala mobile che collega il terminal bus con annesso parcheggio al centro della citta’, e’ stata chiusa dalla Blu Parking. Per accelerarne la riapertura, Di Primio ha direttamente interessato l’Ufficio Speciale Trasporti e Impianti Fissi (Ustif) e gli Uffici della Regione affinche’ la nuova gestione venga intestata alla Teateservizi. L’Ustif ha assicurato che il 2 maggio inviera’ alla Regione la pratica per il rilascio dell’autorizzazione e a sua volta, quest’ultima, una volta autorizzato il cambio di intestazione, rinviera’ all’Ustif la documentazione per il rilascio della certificazione.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Fondi UE, Target di spesa raggiunti anche per il 2022

Nella spesa dei Fondi europei – Fesr, Fondo europeo di sviluppo regionale e FSE, Fondo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *