Concorsi Comune di Pescara, Pagano: FI prende le distanze, malcostume politico da respingere

«Forza Italia apprende  da organi di stampa e commenti sui social che sarebbero stati presentati ben tre esposti alla Procura su una fantomatica serie di concorsi del Comune di Pescara varati in scadenza di mandato. In primo luogo Forza Italia asserisce di non avere a che fare in nessun modo e a nessun titolo, né diretto né tantomeno indiretto, con questa iniziativa dalle quali prende le distanze e, anzi, ritiene ennesima espressione di un malcostume politico da respingere senza se e senza ma». Lo afferma il coordinatore regionale degli azzurri, senatore Nazario Pagano, che commenta la notizia apparsa sul web, con tanto di sospetti sulle procedure, sull’attribuzione dei punteggi e sui profili soggettivi dei candidati che apparterrebbero a una precisa area politica di riferimento.

«Sui risvolti penali deciderà la magistratura, se è vero che la stessa è stata interessata da tre esposti, ma su quello politico – precisa Pagano – abbiamo il dovere di intervenire. L’inopportunità di tale “infornata” è talmente lampante che stupisce anche l’osservatore più smaliziato. Una mossa che ricorda le nomine dei “conti di Ciampino” da parte di Umberto II che partiva in aereo per l’esilio e dispensava titoli nobiliari inutili per la subentrante Repubblica. Qui invece si dispenserebbero posti di lavoro clientelari utili a ribadire il potere e le ingerenze della malapolitica sulla macchina amministrativa. Certe scelte di dubbia trasparenza possono e devono essere compiute non da una classe dirigente in smobilitazione come estrema manifestazione di gestione, ma da quella subentrante legittimata dal voto, e solo dopo un’oggettiva analisi sulle esigenze, sugli organici e sulla funzionalità degli uffici. Neppure il sospetto di favoritismi deve poter aleggiare su Palazzo di città. Per questo – conclude Pagano – faccio voti che con ritrovato buon senso e con la dovuta correttezza e il rispetto delle regole l’amministrazione Alessandrini faccia un passo indietro, annullando questi concorsi che altrimenti resterebbero a testimonianza di un modo di fare politica di cui non si avverte il bisogno e che la comunità dei pescaresi non solo non condivide ma che non può neanche permettersi di avallare».

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Fondi UE, Target di spesa raggiunti anche per il 2022

Nella spesa dei Fondi europei – Fesr, Fondo europeo di sviluppo regionale e FSE, Fondo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *