Dalla Regione Abruzzo 26 milioni di euro per micro e macro filiere

Sono stati pubblicati sul sito della Regione Abruzzo i bandi relativi alla selezione dei progetti di cooperazione di Macrofiliera e di Microfiliera. I bandi costituiscono la prima fase di attuazione dei progetti integrati di filiera individuati, nella strategia del PSR Abruzzo 2014/2020 (Focus area 3A), quali strumenti idonei a migliorare la competitivita’ dei produttori primari integrandoli meglio nella filiera agroalimentare attraverso i regimi di qualita’, la creazione di un valore aggiunto per i prodotti agricoli, la promozione dei prodotti nei mercati locali, le filiere corte, le associazioni e organizzazioni di produttori e le organizzazioni interprofessionali. “Per la prima volta – afferma l’assessore regionale all’ Agricoltura, Pepe – la Regione Abruzzo aziona questi strumenti che sono fondamentali per l’aggregazione dei vari ‘anelli’ della filiera produttiva e per il raggiungimento di obiettivi strategici, come la valorizzazione delle produzioni locali e della filiera corta, con una misura specifica destinata alla commercializzazione della carne di cinghiale, e l’incentivazione di processi produttivi innovativi, vera sfida dell’agricoltura abruzzese in termini di competitivita’ e modernita’”. L’importo che sara’ reso disponibile per l’attuazione della sottomisura 16.2 (Macrofiliere) e’ pari a 1.400.000 euro, ciascun progetto di cooperazione potra’ disporre di un budget massimo di 200.000 euro; per l’attuazione degli investimenti collegati a valere sulla Misura 4 – focus area 3 A – sono disponibili 21.000.000 euro, che per l’attuazione delle operazioni riconducibili alla sottomisura 1.2. Nel bando multimisura le risorse delle sottomisure 4.1, 4.2 verranno determinate per quote settoriali e riferite ai settori individuati nelle Tabelle dei settori produttivi previste nella descrizione generale della misura 4. I progetti di microfiliera, filiere corte e mercati locali, perseguono il fine di superare la frammentazione produttiva delle produzioni di nicchia che caratterizzano le aree interne e rurali dei territori abruzzesi e di rendere maggiormente consapevoli i consumatori sulle caratteristiche specifiche e peculiari delle produzioni in termini di salubrita’ e sicurezza alimentare. In tal modo si concorre al rafforzamento e al consolidamento della redditivita’ delle medio-piccole e micro imprese agricole abruzzesi. L’importo per i progetti di microfliera, filiere corte e mercati locali, che sara’ reso disponibile per l’attuazione della sottomisura 16.4 e’ pari a 1.000.000 euro, mentre quello che sara’ reso disponibile per l’attuazione delle sottomisure/tipologie di interventi collegati 4.1.1 – 4.2.1 e’ pari a 3.000.000 euro, mentre quello per la sottomisura/intervento 4.4.2 sara’ comunicato successivamente. Per le sottomisure/interventi di investimento attivati nell’ambito del PIF di microfiliera si richiamano le condizioni stabilite dai relativi bandi. L’importo massimo del contributo complessivo ammesso per ciascun progetto, connesso alle sottomisure/interventi di investimento attivati (4.1.1, 4.2.1, 4.4.2), non puo’ essere superiore a 400.000 euro. Le domande potranno essere depositate non oltre le ore 14 di sabato 30 settembre. 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Fondi UE, Target di spesa raggiunti anche per il 2022

Nella spesa dei Fondi europei – Fesr, Fondo europeo di sviluppo regionale e FSE, Fondo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *