Dalla Regione stop al progetto di estrazione di gas a Bomba

La Regione Abruzzo ha espresso parere non favorevole al nuovo progetto presentato dalla societa’ Cmi Energia (gia’ Forest Cmi, controllata dalla statunitense Avanti Eurogas Limited) che ha riproposto una iniziativa industriale per lo sfruttamento del giacimento di gas naturale “Colle Santo” sito nel territorio dei Comuni di Bomba, Archi, Roccascalegna, Torricella Peligna, Pennadomo, Villa Santa Maria, Atessa e Colledimezzo. Lo ha riferito in una nota l’ente che ha fatto sapere come il parere negativo, espresso dal comitato regionale Via, in occasione della riunione del 5 marzo scorso, sia stato recepito dalla giunta regionale con delibera, e inviato al Ministero dell’Ambiente, che dovra’ completare l’istruttoria per la conclusione del procedimento. 

Il vicepresidente Emanuele Imprudente e l’assessore regionale all’ambiente Nicola Campitelli hanno affermato: “L’ultima parola spetta ora al ministro Costa. Con questo atto abbiamo garantito la sicurezza dei cittadini e la tutela dell’ambiente. Ringraziamo i componenti del comitato VIA regionale, il direttore del dipartimento governo del territorio, i dirigenti che hanno lavorato per esaminare nel merito la proposta della CMI, i sindaci del territorio, le associazioni e i comitati dei cittadini che hanno contribuito – hanno concluso – a fornire osservazioni e approfondimenti”. L’assessore Campitelli, giovedi’ 5 marzo, a Pescara, aveva convocato anche una riunione tecnica per raccogliere le istanze del territorio rispetto a questo nuovo progetto.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Scuola dell’infanzia, 19 milioni per il Piano triennale

Via libera della Giunta regionale al Piano triennale di istruzione e educazione per i bambini …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *