Di Maio: Siamo sempre quelli che fanno parlare i fatti

“Siamo sempre quelli che fanno parlare i fatti, mentre ci massacrano stime che non sono mai quelle. Per me ora è importante non tanto dire che abbiamo ottenuto risultati, ma perché tanti giornali dicevano altro. Non è arrivata la pioggia di meteoriti che molti dicevano”. Così da Pescara il capo politico del M5S Luigi Di Maio.

 “C’e’ un’emergenza corruzione: negli ultimi giorni sono emerse un’inchiesta in Calabria, una in Sicilia, una in Lombardia, una in Sardegna. Come se Tangentopoli non fosse mai finita”, ha aggiunto Luigi Di Maio, giunto in citta’ in occasione del tour #ContinuareXCambiare – europee 2019. “In realta’ Tangentopoli – ha aggiunto – non e’ finita, sono solo cambiati gli strumenti di corruzione. E tutti i discorsi sulle tendine sui simboli religiosi nei cimiteri, la discussione sulla legge sull’aborto, sono tutti mezzi di distrazione di massa”

“Ho visto la Lega un po’ nervosa. Io credo che si debba andare avanti altri 4 anni e abbiamo fatto un po’ di cose. Ma per farle seriamente bisogna lavorare insieme sugli obiettivi dati e non sui cannabis shop”, ha dichiarato ancora dal palco. “Pd e Forza Italia vogliono tornare al governo, dobbiamo proteggere quanto abbiamo creato il 4 marzo”, ha aggiunto. “Se c’e’ un’ombra pesante su un politico quel politico si deve mettere in panchina. Il caso Siri era un problema da risolvere in tre ore non in tre settimane. Io mi auguro che – ha aggiunto – Siri sia innocente, ma contro la corruzione chi e’ al governo deve dare l’esempio. Non potevo consentire che il sottosegretario restasse li’, non l’ho fatto per far precipitare la Lega nei sondaggi”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Fondi UE, Target di spesa raggiunti anche per il 2022

Nella spesa dei Fondi europei – Fesr, Fondo europeo di sviluppo regionale e FSE, Fondo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *