Direttiva Bolkestein, Forza Italia contro la legge delega

“Una soluzione che distruggera’ e sconvolgera’ la tipicita’ del comparto balneare italiano, mettendo in crisi il settore piu’ importante dell’intero sistema turistico nazionale”. Cosi’ gli esponenti abruzzesi di Forza Italia a proposito del disegno di legge delega sulla direttiva Bolkestein, parlando di “presa per i fondelli” e sottolineando che “tale disegno, approvato alla Camera dei Deputati, comportera’ per gli attuali concessionari l’esproprio di fatto delle loro aziende, oltre alla perdita del lavoro, senza ammortizzatori sociali, visto che la delega non prevede oneri”. A fare il punto della situazione, in conferenza stampa, sono stati il parlamentare Fabrizio Di Stefano, il coordinatore regionale di Fi, Nazario Pagano, e i consiglieri regionali Lorenzo Sospiri e Mauro Febbo. “Il settore delle imprese balneari – hanno sottolineato – rappresenta per il nostro Paese un’importante realta’ socio-economica e di sviluppo, composta tradizionalmente da aziende in maggioranza a gestione familiare, la cui unica e primaria fonte di reddito e’ il proprio lavoro. Siamo di fronte ad un problema serio che riguarda 30mila aziende e oltre 100mila lavoratori”. “Il Governo – ha detto Di Stefano – non ha nemmeno provato a fare la battaglia per un ulteriore procrastinamento della Bolkestein, ma si e’ fatto semplicemente fare questa delega. Altri Paesi piu’ lungimiranti, come la Spagna, hanno garantito alle loro aziende balneari una proroga che arriva fino a 75 anni, senza nessun richiamo o procedure ad oggi da parte di Bruxelles”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Audizione del Garante per l’Infanzia dell’Abruzzo in Commissione Parlamentare

Si è tenuta nei giorni scorsi l’audizione della Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Regione Abruzzo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *