Febbo: Il Parco della Costa teatina non e’ nell’agenda di questo governo

 ”Il Parco della Costa teatina non e’ nell’agenda di questo governo regionale poiche’ bisogna portare a termine altre progettualita’ che interessano principalmente quel territorio, ossia l’ultimazione del cantiere della pista pedociclabile inerente il progetto della Via Verde e la definizione delle aree ricadenti nella Zona Economica Speciale. La bozza di perimetrazione istitutiva del Parco della Costa teatina fatta dal commissario ad acta De Dominicis risale ad ottobre 2015 e oggi i lavori sono considerati terminati e non avendo raggiunto l’intesa’ atto obbligatorio per la sua istituzione, si rimanda l’esame del provvedimento al Ministero dell’Ambiente”. Lo ha detto l’assessore regionale alle attivita’ produttive, turismo e cultura Mauro Febbo a margine della riunione svoltasi Roma e convocata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri finalizzata all’individuazione di una soluzione per riavviare il procedimento e procedere alla delimitazione conclusiva del Parco. All’incontro erano presenti, oltre a Febbo, il capo dipartimento per il coordinamento amministrativo del Consiglio dei Ministri Paola Paduano, Eugenio Gallozzi del Dipartimento Affari regionali e Maria Carmela Giarratano referente del Ministero dell’Ambiente. Secondo Febbo l’istituzione oggi del Parco della Costa teatina sarebbe una scelta prematura e miope rispetto allo sviluppo turistico e ambientale di un territorio complesso, eterogeneo e particolare per le diverse infrastrutture presenti e le migliaia attivita’ imprenditoriali esistenti.

”Inoltre – aggiunge Febbo – il Governo centrale non puo’ oggi pretendere da noi di recuperare il tempo perso e l’inerzia del precedente governo regionale. Sono passati cinque anni e poco o nulla e’ stato fatto dall’ex commissario ad Acta se non una proposta di perimentrazione peraltro non condivisa dal Governo D’Alfonso e Mazzocca e altrettanto poco o nulla e’ stato scritto e fatto per le Misure di Salvaguardia e la zonizzazione, documenti fondamentali per le regole all’interno del Parco. Faccio notare infine come molte amministrazioni coinvolte oggi hanno giunte e maggioranze diverse. Quindi – conclude Febbo – il Parco oggi sarebbe solo un freno alla pianificazione turistica e ambientale della costa teatina che, invece, deve ultimare come territorio un percorso di sviluppo turistico avviato con progettualita’ gia’ finanziate ed in cantiere”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Protezione civile, siglato accordo di collaborazione tra Agenzia regionale e Direzione marittima di Pescara

La valorizzazione dei rapporti di collaborazione tra la Protezione Civile regionale e la Direzione Marittima …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *