Ferrovia Pescara – Roma, Marsilio chiede chiarezza sui passaggi

La Giunta regionale ha approvato una delibera d’indirizzo per l’espressione del parere del presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, in Conferenza dei servizi sulla ferrovia Pescara-Roma. “È stata convocata la Conferenza dei servizi per acquisire anche il nostro parere sul tracciato della ferrovia Roma – Pescara proposto da Rfi”. Lo ha detto Marsilio sottolineando che si può esprimere un parere motivato, in questo momento, perché non è ancora nemmeno arrivato il pronunciamento del comitato di Valutazione d’impatto ambientale (Via) nazionale, che deve pronunciarsi sulla compatibilità ambientale”. È incompleto anche il quadro degli atti prodotti da tutte le amministrazioni coinvolte nella Conferenza dei servizi – ha aggiuntoil governatore – La Regione è l’ultimo degli enti che si deve pronunciare e lo può fare solo una volta che abbia avuto il quadro completo di tutte le pronunce delle amministrazioni locali e di quelle sovraordinate coinvolte. Soprattutto è impossibile esprimere un parere in scienza e coscienza se non c’è nemmeno il pronunciamento del comitato Via. Abbiamo anche chiesto a Ferrovie di dare pubblica e motivata risposta alle proposte formulate nel dibattito pubblico, che ha prodotto ipotesi di tracciato alternative. Tra queste la cosiddetta ‘Variante plus’, ingegnerizzata da Italferr per conto di Rfi, proposta che a nostro parere potrebbe rappresentare la soluzione migliore per mitigare fortemente l’impatto sul territorio e superare una serie di ostacoli e di obiezioni che i Comuni e i comitati di cittadini hanno prodotto” ha spiegato il presidente riferendosi al progetto di tracciato di Rfi che porterebbe alla demolizione di diversi edifici, tra cui anche alcune abitazioni, nelle province di Pescara e Chieti. “Prima di decidere se queste proposte di variante possono o devono essere scartate oppure accettate, dobbiamo avere da parte di Rfi le risposte chiare e argomentate che spieghino la fattibilità o meno delle proposte – ha continuato – In ogni caso anche sul progetto presentato in Conferenza, che è il progetto originario di Rfi sull’attuale tracciato, il nostro eventuale assenso, in mancanza di alternative, è condizionato a 4 elementi: la garanzia di mantenere la continuità delle attività produttive che devono essere delocalizzate e che non possono rimanere ferme per lungo tempo a causa di un trasloco, con particolare riferimento alla zona artigianale di Alanno, ma non solo. La realizzazione di sottopassaggi, in particolare nel Comune di Manoppello, che siano in grado di garantire la continuità del tessuto edilizio e del territorio, ma soprattutto il transito dei mezzi di trasporto pubblico che oggi assicurano un servizio essenziale alla comunità. La terza condizione è la massima cura per evitare effetti di disgregamento sociale ed urbano, per cercare di evitare delocalizzazioni o polverizzazioni di comunità locali in ambiti periferici, cercando di ricostruire gli edifici che devono essere abbattuti in prossimità o in continuità con gli attuali insediamenti urbanistici e comunque garantendo alla popolazione, che è soggetta ad espropri la più completa soddisfazione dei loro interessi legittimi. La quarta condizione è quella di limitare fortemente le superfici, le altezze e le tipologie delle barriere fonoassorbenti laddove sono strettamente necessarie per abbattere l’impatto acustico. – ha concluso – Espresso questo parere la Regione Abruzzo si riserva d’individuare opere compensative o mitigatrici per la valorizzazione del paesaggio e dell’ambiente insieme alle amministrazioni comunali, da proporre a Rfi, e si riserva di formulare un parere motivato con la presenza di tutta la documentazione necessaria non appena sarà fornita. In mancanza di questa documentazione utile e di risposte ai temi che sono stati sollevati e proposti, non potremmo che trasformare questa sospensione in una chiaro parere di dissenso e di negata intesa”

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Il ministro Schillaci a Popoli per l’inaugurazione del Centro risveglio

Il ministro della salute, Orazio Schillaci, inaugurerà sabato a Popoli, il Centro regionale del risveglio. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *