Fi.RA, 110 miloni investititi negli ultimi 3 anni

Il presidente della Giunta regionale, Marco Marsilio a Pescara, ha presieduto l’assemblea dei soci di Fi.RA, Finanziaria regionale abruzzese, che ha approvato il Bilancio d’esercizio 2023 della Società in house della Regione Abruzzo, con un utile netto di oltre 50 mila euro. Sono oltre 7.300 le imprese e i professionisti finanziati con circa 110 milioni di euro investiti negli ultimi tre anni.

Queste alcune delle misure degli ultimi tre anni: finanziate 231 imprese per oltre 2 milioni con il Piccolo Prestito Agrario, prestito diretto a tasso zero a imprese vitivinicole e relative società di trasformazione che hanno subìto un danno di produzione in seguito all’eccesso di pioggia in Abruzzo da aprile a giugno 2023. Finanziati 168 progetti (più 6 domande in valutazione) per un totale di circa 9,5 milioni di euro impegnati con Restart Fare Impresa, sostegno all’accesso al credito delle Micro Piccole Imprese e dei professionisti nel territorio del cratere sismico 2009. Finanziati 142 progetti d’investimento con 15 milioni di euro per sostegno alle imprese del Turismo (LR 77/2000) per miglioramento della ricettività e degli standard di qualità delle strutture ricettive. Una Tantum, sostegno a ditte individuali, lavoratori autonomi e liberi professionisti con un fondo perduto a compensazione della perdita di reddito subita a causa della pandemia da Covid 19. Oltre 4.700 beneficiari per un totale di oltre 10 milioni di euro. Finanziate 162 imprese con 1 milione di euro per fronteggiare il caro energia degli impianti sportivi al chiuso, contributi a favore di gestori di impianti sportivi accessibili al pubblico. Nel 2024 spazio anche al comparto agricolo: con il Fondo di Rotazione gestito da FiRA, le imprese agricole, beneficiarie del sostegno a fondo perduto concesso per gli investimenti produttivi per la competitività e per ambiente, clima e benessere animale o quelli per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, possono accedere al Fondo gestito dalla Finanziaria regionale per richiedere un prestito a tasso zero a copertura della parte di cofinanziamento privato non finanziabile con la sovvenzione a fondo perduto.

“Il bilancio Fi.RA si è chiuso con un attivo di 52mila euro – ha commentato Marsilio – e questo non accadeva in passato. Lo scorso anno, il combinato disposto di Fi.RA e Abruzzo Sviluppo, prima della fusione, infatti, aveva registrato oltre mezzo milione di euro di perdite. Questo significa che la nostra Finanziaria, grazie anche al processo di fusione che abbiamo portato avanti, oggi funziona bene, riceve commesse, produce attività e quindi genera anche delle entrate che consentono a questa azienda di andare avanti. Il prossimo passo – ha proseguito – sarà quello di completare il percorso per trasformarsi in organismo intermedio secondo la normativa europea per gestire al meglio rendicontazione, distribuzione ed erogazione dei fondi europei. Attività che, tra l’altro, Fi.RA, almeno in parte, già svolge. Comunque, la buona salute di FiRA, certificata anche dalle relazioni del collegio sindacale e dei revisori dei conti – ha aggiunto – testimonia il buon lavoro svolto”.

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Tagli alla finanza locale, Menna: alle 4 Province tolti oltre 2 milioni

“In Provincia di Chieti, in Abruzzo e in generale a livello nazionale vedremo – purtroppo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *