Firmato un protocollo per la gestione degli orsi

Dopo gli ultimi avvistamenti di alcuni orsi nei centri abitati della provincia dell’Aquila e Pescara, l’assessorato ai Parchi e Riserve della Regione Abruzzo per fronteggiare il fenomeno ha stilato un protocollo operativo con vari enti per la “Gestione degli orsi problematici nelle aree della Regione Abruzzo esterne ai Parchi”, approvato con deliberazione di Giunta nello scorso agosto. In questi mesi e’ stato portato avanti un tavolo tra l’assessore ai Parchi e Riserve, Donato Di Matteo, il presidente dell’Anci Abruzzo, Luciano Lapenna, il presidente della Provincia dell’Aquila, Angelo Caruso, i presidenti dei Parchi nazionali d’Abruzzo Lazio Molise, Antonio Carrara, della Majella, Franco Iezzi, del Gran Sasso e Monti della Laga, Tommaso Navarra, e la commissaria del Parco regionale Sirente Velino Annabella Pace, il comandante regionale dei Carabinieri Forestali Gen. Ciro Lungo, il delegato per le ONG di tutela dell’orso bruno marsicano, il presidente di “Salviamo l’orso”, Stefano Orlandini, il responsabile del Patom Massimo Pellegrini e i tecnici regionali.

“Per orsi problematici si intendono quegli animali che provocano danni o sono protagonisti di interazioni uomo/orso – spiega l’assessore Di Matteo – con una frequenza tale da creare problemi economici e sociali al punto da richiedere un immediato intervento gestionale risolutivo. Il fenomeno va arginato nell’ambito di una strategia di conservazione della popolazione dell’orso bruno marsicano”. Sul tema e’ stato sperimentato uno specifico documento nell’area del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e nelle zone di protezione esterna e, piu’ recentemente, anche nel Parco Nazionale della Majella e nelle zone contigue. Il protocollo e’ stato approvato dal Piano delle Autorita’ di Gestione e dal Patom presso il Ministero dell’Ambiente nel 2014. Ha lo scopo principale di individuare gli impegni e le modalita’ organizzative per renderlo applicabile all’intero del territorio regionale in un’ottica di collaborazione tra enti pubblici, in particolar modo tra le pubbliche amministrazioni e le forze dell’ordine (carabinieri forestali) nelle aree esterne ai parchi. L’obiettivo e’ prevenire il fenomeno anche fuori dai Parchi nazionali e regionali, affinche’ gli orsi non vengano sottratti all’esigua popolazione gia’ a rischio di estinzione presente negli Appennini e vengano sempre assicurate adeguate condizioni di sicurezza per i cittadini. Al fine di perseguire l’obiettivo e’ fondamentale assicurare un’azione continua di prevenzione e gestione delle condizioni che possano contrastare e ridurre l’insorgenza del fenomeno mediante un accurato monitoraggio e inventario delle possibili risorse trofiche (stalle, pollai, frutteti, orti e rifiuti) presenti in ambiente urbano e appetibili agli orsi; la messa in sicurezza del territorio mediante recinti, cancelli, porte idonee e la rimozione di tutto cio’ che potrebbe attirarli. Infine, come strategia, l’attivazione e lo svolgimento di processi di comunicazione finalizzati ad una corretta conoscenza del fenomeno degli “orsi confidenti” da parte di amministratori locali, residenti, turisti e media. 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ricostruzione, vertice Legnini – Unioncamere

Il punto sugli interventi attuati a favore delle imprese dei territori colpiti dal terremoto del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *