Fondi per la delocalizzazione della centrale Enel nel Teramo

La centrale Enel in contrada Cona, a Teramo, va delocalizzata. La Giunta Regionale dell’Abruzzo ha approvato la rimodulazione dei fondi Masterplan prevedendo un finanziamento 2 milioni e mezzo di euro per la delocalizzazione dell’impianto nel comune di Teramo. Soggetto attuatore del progetto è la municipalità di Teramo mentre il coordinamento è affidato alla Provincia. Con l’obiettivo di arrivare alla firma della convenzione con la Regione, il presidente della Provincia di TeramoRenzo Di Sabatino ha convocato una riunione per venerdì 8 settembre alle 11,30 al quale parteciperanno il sindaco di Teramo, Maurizio Brucchi, Fabrizio Iaccarino responsabile Affari istituzionali territoriali – Area Centro Italia. Enel spa e i rappresentanti del Comitato di quartiere della Cona.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ricostruzione, vertice Legnini – Unioncamere

Il punto sugli interventi attuati a favore delle imprese dei territori colpiti dal terremoto del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *