“Io non ci passo sopra”, iniziativa del Consiglio regionale contro la violenza sulle donne

Il Consiglio regionale dell’Abruzzo promuove, per il secondo anno, l’iniziativa “Io non ci passo sopra”, dedicata alla ricorrenza della “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”. Venerdì 25 novembre, più di duecento paia di scarpe rosse saranno collocate nel piazzale di Palazzo dell’Emiciclo, in memoria di tutte le donne vittime di maltrattamenti e femminicidio. Due paia, in particolare, assumeranno un significato speciale: “le scarpe di Lidia”. Scarpe appartenute ad una donna vittima di violenza domestica che ha perso la vita a seguito dei traumi psicologici subiti. Per diciassette anni la sorella, aquilana, ha tenuto stretta la sua memoria e oggi, per la prima volta, decide, seppur in forma riservata e anonima, di donare al Consiglio regionale un ricordo di quella vita precocemente strappata. Il rosso sarà anche il colore che illuminerà, per tutta la notte tra il 24 e il 25 novembre, il colonnato di Palazzo dell’Emiciclo. Inoltre, saranno previste installazioni grafiche e testuali per sensibilizzare sul tema. L’evento è organizzato dal Comitato Unico di Garanzia (CUG) dell’Ente, organismo che ha il compito di garantire parità e pari opportunità tra uomini e donne e vigilare contro ogni forma di discriminazione e di violenza, diretta e indiretta, nell’accesso al lavoro, nel trattamento e nelle condizioni di lavoro, nella formazione professionale, nelle promozioni e nella sicurezza sul lavoro. Nella mattina di venerdì 25 novembre, dalle ore 9.00, la Sala Ipogea di Palazzo dell’Emiciclo, concessa dal presidente del Consiglio regionale, Lorenzo Sospiri, ospiterà un convegno promosso dalla Questura dell’Aquila, dedicato al contrasto alla violenza di genere.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Caro pedaggi e messa in sicurezza delle autostrade A24 e A25, protesta dei sindaci al Ministero

Una delegazione dei 117 sindaci e amministratori di Abruzzo e Lazio ha manifestato nel piazzale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *