L’Udc abruzzese sostiene il corridoio intermodale euro-mediterraneo

“L’UDC si adopererà con il massimo impegno e a tutti livelli (Regione, Governo, Commissione Europea) perché l’Abruzzo rientri nella revisione delle reti transeuropee Ten-T (rete trans-europea dei trasporti) e, precisamente, nel corridoio intermodale (derivazione del corridoio 5) secondo le indicazioni del Parlamento Europeo, che mirano ad interconnettere la penisola iberica, quella italiana e quella balcanica (Barcellona-Civitavecchia-Ortona-Ploce) il pieno riconoscimento di questa trasversale”. Lo afferma il Segretario regionale dell’Udc, Enrico Di Giuseppantonio, che di fatto aderisce al Manifesto per un Corridoio Intermodale tra la Penisola Iberica e i Balcani, già sottoscritto da sindacati e associazioni di categoria abruzzesi, aperto ai parlamentari ed ai rappresentanti delle istituzioni e dei partiti politici” “La funzione di porti, anche di quelli intermedi, è divenuta fondamentale per la logistica e sono determinanti per lo sviluppo delle regioni – sottolinea il Segretario Di Giuseppantonio a nome della direzione regionale del partito -. L’Abruzzo può avere un ruolo determinante nella rete dei Corridoi Europei dei trasporti, un’occasione di sviluppo attraverso le vie del mare. I porti abruzzesi potranno far parte di quel naturale filo di congiunzione tra la Penisola Iberica e i Balcani Occidentali, favorire gli scambi commerciali, alla circolazione delle persone e alla salvaguardia ambientale con una evidente riduzione del trasporto merci su gomma, come avviene ora”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Pescara, tavolo di concertazione sull’occupazione del suolo pubblico dai locali

Sarà operativo dalla prossima settimana il tavolo di concertazione tecnico-politico sull’occupazione del suolo pubblico nella …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *