Oltre cento le vertenze aziendali in corso in Abruzzo

Sono oltre cento le vertenze aziendali in corso in Abruzzo. A fornire le cifre è la Cgil Abruzzo Molise che ricorda come accanto alle crisi di Honeywell, Intecs o Pilkington, si aggiungano le nuove nell’ambito della crisi da Covid-19, come quelle Yokohama o Betafence. Il risultato e’ che, in questo Ferragosto, in tutta la regione migliaia di lavoratori non hanno certezze sul futuro. “La situazione e’ pesante – dice il segretario regionale Cgil Abruzzo Molise Carmine Ranieri – ci sono multinazionali che hanno annunciato la chiusura. E’ un segnale molto preoccupante: con la crisi Covid potremmo avere realta’ che, per scelte puramente aziendali, decideranno di ridurre la filiera e delocalizzare. Alle vecchie vertenze che non hanno trovato soluzione se ne aggiungono di nuove. Migliaia gli interessati. Quando chiude una grande impresa c’e’ sempre un effetto moltiplicatore negativo per l’indotto”. “A settembre ci sara’ da lavorare intensamente. Dovremo cercare di aiutare anche le Pmi, che hanno un ruolo fondamentale in Abruzzo. L’occupazione dovrebbe essere rilanciata anche con investimenti pubblici. Penso al Masterplan: quegli interventi dovrebbero partire subito e invece sono stati de-finanziati” conclude Ranieri

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Avezzano, ballottaggio tra Di Pangrazio e Genovesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *