Chieti, picchiava la ex compagna e scatta il divieto di avvicinamento

Un quarantenne di Chieti e’ stato raggiunto da provvedimento di divieto di avvicinamento alla donna con la quale aveva avuto una relazione durata circa tre anni. L’ordinanza, emessa dal gip del Tribunale di Chieti Gianluca Falco su richiesta del pm Marika Ponziani, e’ stata eseguita dal personale della Seconda Sezione della Squadra Mobile della Questura di Chieti , dalle cui indagini e’ emerso che dal 2018, in almeno due circostanze, la donna era stata malmenata e aveva dovuto far ricorso a cure mediche, pur non riferendo di essere stata aggredita dal partner. Alla fine del 2019, invece, in seguito alla decisione della donna di interrompere definitivamente la relazione, dopo l’ennesimo litigio era stata strattonata e buttata a terra, poi percossa con calci e pugni che i medici dell’ospedale di Chieti , ai quali era rivolta, hanno giudicato guaribili in 30 giorni. Di qui l’ordinanza di divieto di avvicinamento a 300 metri di distanza dalla vittima nonche’ divieto di comunicare con lei con qualsiasi mezzo. L’uomo gia’ nel 2016 era stato destinatario di un provvedimento di ammonimento emesso dal questore di Chieti : in quel caso l’accusa era di stalking ai danni di un’altra donna.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Blutec, Fiom-Cgil: il Ministero dello sviluppo economico convochi incontro con Invitalia, commissari e regioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *