Paolucci: progetto di legge per colmare il differenziale retributivo di genere

“Disposizioni per colmare il differenziale retributivo di genere” è il nuovo progetto di legge regionale per superare le disparità di genere in Abruzzo, presentato oggi a Pescara e firmato dai consiglieri regionali Marianna Scoccia e Silvio Paolucci. “Questo progetto di legge dà dei benefici alle imprese attraverso fondi, agevolazioni e sgravi affinché assumano, sempre di più, personale femminile, ma dà anche un sostegno all’attività lavorativa delle donne attraverso dei buoni per il servizio babysitting e caregiver”. Lo ha dichiarato Marianna Scoccia prima firmataria della proposta che spera in un sostegno della maggioranza per l’approvazione della legge in Consiglio regionale. Paolucci ha chiesto l’immediata calendarizzazione, tra i lavori del consiglio, del disegno di legge che prevede diversi interventi a sostegno delle donne: “Parità retributiva, contrasto alle discriminazioni, interventi a sostegno dell’occupazione a tempo indeterminato perché la situazione è seria a livello italiano, ma lo è ancora di più in Regione Abruzzo” ha aggiunto il consigliere sottolineando che il disegno di legge prende spunto da una norma della Regione Lazio che prevede benefici, premialità e una serie di misure di contrasto alla violenza contro le donne. “Benefici fino a 4 milioni di euro con microcredito e fondi di garanzia, ulteriori interventi per le assunzioni a tempo indeterminato e premialità per quel che riguarda gli avvisi e i bandi della Regione per tutte quelle aziende che al proprio interno rispettano la parità retributiva, per la stessa mansione, tra uomo e donna, ma allo stesso tempo anche delle sanzioni: la revoca dei benefici in quei luoghi dove ci sono sentenze passate in giudicato perché si è dimostrato che ci siano state pressioni illecite o violenze” ha concluso Paolucci.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Renzi a Pescara: il presidente del Consiglio è solido e saldo

”D’Alema, Speranza e Bersani dovevano dire subito che sono una vergogna le parole di Travaglio, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *