Pescara, approvato in Consiglio Comunale l’abbattimento del Ferro di cavallo

“Oggi si compie un passo fondamentale per la crescita di questa città, impensabile fino a 3 anni fa”. Lo ha detto il sindaco di Pescara, Carlo Masci, in Consiglio comunale, intervenendo sull’approvazione dell’abbattimento del ‘Ferro di cavallo’ il mega edificio di case popolari, realizzato negli anni Settanta, nel quartiere periferico di Rancitelli. Lungo l’iter di approvazione della delibera di variante urbanistica che permetterà di procedere alla demolizione dei 120 alloggi, di via Tavo, emblema del degrado. “Manteniamo il nostro impegno e abbattiamo il cancro di questa città, come tale riconosciuto da tutti, perché elimineremo quel grumo metifico che c’è da circa 50 anni e che ci ha regalato purtroppo gli onori della peggiore cronaca possibile, come ha fatto ancora nei giorni scorsi il telegiornale satirico Striscia La Notizia che ha messo in mostra il Ferro di cavallo come simbolo nazionale del degrado sociale per via di gravi e ripetuti casi di criminalità”. Dopo la discussione di decine di emendamenti, per diversi giorni, la delibera (numero 60), di presa d’atto del progetto dell’Azienda territoriale edilizia residenziale (Ater) e di variante al Piano regolatore generale, è passata con 18 voti favorevoli e 7 contrari. Il progetto dell’Ater, di demolizione e di ricostruzione di 56 appartamenti, è stato elaborato in deroga alla normativa con l’adozione di una ‘variante’ alle previsioni dello strumento urbanistico, il tutto per la costruzione di 2 nuovi fabbricati con un investimento complessivo di 7,8 milioni di euro.

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Trasporto pubblico locale, confermato lo sconto del 10% agli studenti pendolari

Sarà garantito anche per l’anno scolastico 2024/2025 lo sconto del 10% sugli abbonamenti degli studenti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *