Pescara, l’architetto Tommaso Di Biase lancia il progetto di una funivia urbana

L’architetto Tommaso Di Biase lancia la proposta di una funivia urbana a Pescara: l’ex assessore al Comune di Pescara ha presentato l’ipotesi preliminare di un progetto funiviario alternativo al filobus. “Parliamo di una modalità di spostamento e trasporto sempre più utilizzata nelle città di tutto il mondo. Parliamo di un progetto sostenibile anche da un punto di vista economico perché le funivie urbane costano mediamente molto meno di altri sistemi di mobilità e anche di filobus e metropolitana, con il valore aggiunto di questo progetto dal punto di vista anche urbanistico che è quello di permettere che la strada parco possa diventare un’area verde lineare che si collegherebbe con un altro polmone verde dell’area di risulta per arrivare poi alla pineta dannunziana”. Ci vogliono circa 25 minuti per attraversare la città con una funivia urbana che da Porto Allegro (Montesilvano), arriva nel cuore della Pineta Dannunziana a Pescara. Il progetto, avrebbe anche un impatto positivo sui costi. Un impianto funiviario costa 1,7 mln di euro a km. Una metropolitana costa 14,7 mln di euro a km e un filobus costa 9,0 mln di euro a km. Il progetto prevede tre linee: A,B e C. La linea A della funivia di Pescara di 11,3 km (da Porto Allegro alla Pineta Dannunziana) avrebbe un costo di 19,2 mln di euro. Le fermate intermedie sono state individuate a: Stella Maris, Naiadi, Stazione Centrale, Stazione Portanuova, Università/Tribunale).

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Elezioni comunali, Schlein a Pescara: sfida importante

 “È un piacere essere di ritorno a Pescara. Esserci per sostenere il nostro candidato a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *