Ricostruzione, D’Alberto (Anci Abruzzo): superati gli errori della fase iniziale

“In questi ultimi tre anni, grazie al lavoro incessante dei sindaci, delle Anci delle regioni del cratere e dell’Anci nazionale, sono stati fatti importanti passi avanti. Oggi, al settimo anniversario del primo degli eventi sismici che hanno colpito il Centro Italia, possiamo guardare al futuro dei nostri territori con una fiducia e una speranza che abbiamo saputo riaccendere ed alimentare superando tutte le difficoltà e gli errori della fase iniziale”. Lo ha detto il presidente di Anci Abruzzo e coordinatore delle Anci del cratere Sisma 2016, Gianguido D’Alberto, intervenuto ad Amatrice alla commemorazione delle vittime del terremoto che sette anni fa sconvolse il Centro Italia.

“Il ruolo dei sindaci – rimarca D’Alberto – è stato fondamentale per ottenere norme di semplificazione, di potenziamento delle risorse umane e finanziarie. Basti pensare all’ordinanza 100, che ha consentito alla ricostruzione privata di partire. Ad oggi, secondo i dati resi noti dal commissario Castelli e aggiornati a luglio 2023, sono state presentate complessivamente 28.855 richieste di contributo sulle circa 50.000 attese, di cui 17.478 hanno ottenuto un decreto di concessione. Numeri che fino al 2020 erano impensabili”. “Con il commissario Guido Castelli – aggiunge il coordinatore delle Anci del cratere 2016 – stiamo proseguendo sulla strada della semplificazione. Come Comuni abbiamo chiesto un’ulteriore implementazione delle risorse, sia economiche che umane, anche sulla scorta delle criticità emerse nell’ultimo anno, a partire dall’aumento dei prezzi, trovando la disponibilità del commissario. E oggi più che mai non possiamo che ribadire la richiesta che la ricostruzione resti una priorità nell’agenda del Governo”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Giunta regionale, prima seduta informale ma resta il nodo sottosegretario

“Oggi abbiamo avuto la prima seduta informale della nuova Giunta regionale. È stato un momento …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *