Sovvenzioni una tantum, l’elenco dei beneficiari

Oltre seimila istanza presentate, circa 4,2 milioni di euro erogati quale contributo a fondo perduto in favore di partite Iva e professionisti: sono i numeri del bando “Sovvenzione Una tantum”, promosso dall’assessorato al Lavoro e finanziato con le risorse del Fondo sociale europeo, che stamane ha visto la pubblicazione delle graduatorie provvisorie degli aventi diritto. A meno di sei mesi dall’apertura del bando gli uffici regionali, supportati dalla Fira Abruzzo, hanno individuato le partite Iva e i professionisti beneficiari con la concreta possibilità di liquidare i contributi entro il prossimo mese.

Il bando prevedeva due linee di intervento: una riservata alle partite Iva e lavoratori autonomi sulla quale c’è una dotazione finanziaria 3,1 milioni di euro; l’altra riservata ai professionisti con una posta di 1 milione di euro. Non tutte le istanze ritenute ammissibili potranno essere finanziate a causa della limitata disponibilità dei fondi. Ma l’assessore Pietro Quaresimale ha annunciato che “la dotazione finanziaria verrà ampliata già a partire dal prossimo anno con quota di fondi che arriverà a 9 milioni di euro. Con questa ulteriore dotazione finanziaria contiamo di soddisfare tutte le istanze che hanno i requisiti del bando e che al momento non sono finanziabili, ma soprattutto contiamo di verificare se esistono le condizioni per riaprire i termini del bando per dare una nuova opportunità alle piccole imprese, ai lavoratori autonomi e ai professionisti che sono rimasti fuori dal primo avviso. In questo particolare momento di ripresa dell’economia nazionale e regionale – ha aggiunto Quaresimale – è quanto mai necessario stare al fianco di questa categoria di lavoratori e imprenditori che ora si sta lentamente risollevando ma che per un anno ha vissuto senza alcun paracadute pagando a caro prezzo la crisi per il Covid”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Sospiri: il 2021 è stato l’anno più difficile per l’Abruzzo – VIDEO

“Piu’ difficile il 2021: perche’ nel 2020 gli abruzzesi hanno reagito con una forte solidarieta’, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *