Via Verde Costa dei Trabocchi, taglio del nastro in vista del Giro d’Italia

La Via Verde Costa dei Trabocchi sarà inaugurata il 27 aprile. Il prossimo 6 maggio con la partenza del Giro d’Italia con la cronometro Costa dei Trabocchi” nel tratto tra Fossacesia e Ortona. I tre assessori Umberto D’Annuntiis , sottosegretario alla Presidenza della Giunta, Nicola Campitelli, assessore all’Urbanistica e Territorio, e Daniele D’Amario, Assessore al Turismo, in una nota esprimono “Grande soddisfazione, da parte della Giunta Regionale, per la consegna della Via Verde alla cittadinanza. Questo governo regionale, sin dal primo giorno di lavoro, si è adoperato per promuovere e sviluppare i tratti distintivi dell’Abruzzo. La Costa dei Trabocchi è senza dubbio uno di essi, un volano non solo per il turismo e l’economia regionale ma anche per lavorare su un modello di mobilità sostenibile che guarda al futuro, per facilitare i collegamenti con le aree interne. Solo negli ultimi tempi sono stati finanziati interventi nei territori dei vari comuni interessati 675.000 euro alla Provincia di Chieti per lavori di protezione della costa e della pista ciclopedonale nel comune di San Vito Chietino; 500.000 euro al Comune di Rocca San Giovanni per il rifacimento e consolidamento scogliere Punta Isolata e messa in sicurezza pinetina Vallevò; 1.200.000 euro al Comune di Torino di Sangro per opere di difesa in località Lago Dragoni, oltre a 500.000 euro per riparazione scogliere litorale nord; 500.000 euro al Comune di Casalbordino per viabilità alternativa alla Via Verde; 700.000 euro al Comune di San Salvo per sistemazione strade comunali di accesso e collegamento. La Giunta Regionale ha anche destinato risorse per il rifacimento degli asfalti della pista ciclopedonale e delle strade sulle quali transiterà il giro d’Italia per un totale di euro 1.649.372,35.

“Per l’Abruzzo è un onore ospitare la Grande Partenza del Giro d’Italia, voluta fortemente dal Presidente Marco Marsilio.  Un’occasione unica per coniugare sport e promozione turistica. Inoltre abbiamo presentato al ministero preposto un progetto da 15 milioni di euro proprio per attuare il ‘modello a pettine’ tra mare-monti e nel programma FESR abbiamo rivolto ulteriori 20 milioni per sviluppare e potenziare la mobilità sostenibile. Infine è stato adottato il ‘Progetto Speciale della fascia costiera’ per garantire uno sviluppo unitario e di qualità della costa. Solamente chi è fazioso non riesce a vedere quanto l’Abruzzo in questi ultimi quattro anni sia migliorato. Ora auspichiamo che la provincia di Chieti, dopo anni di lavoro e ingenti risorse pubbliche impiegate, attui una manutenzione ordinaria puntuale al fine di mantenere l’importante infrastruttura nella sua bellezza e funzionalità”.

“Siamo certi che milioni di appassionati in tutto il mondo quest’anno seguiranno in diretta la partenza del Giro d’Italia che avra’ come sfondo la Costa dei Trabocchi, uno scenario meraviglioso candidato a patrimonio immateriale dell’Unesco.” Lo ha detto il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, nel corso della presentazione della partenza del Giro d’Italia 2023 dalla Costa dei Trabocchi, che si e’ tenuta questa mattina al ‘Seafood Global Expo’ di Barcellona, alla presenza del ministro dello Sport, Andrea Abodi, del ministro dell’Agricoltura, Francesco Lollobrigida, dell’amministratore delegato RCS Sport, Paolo Bellino, e del vincitore del Giro d’Italia 2004, Damiano Cunego. “Attraverso le tappe del Giro d’Italia che partiranno dalla nostra regione – ha proseguito Marsilio – l’Abruzzo quest’anno sapra’ stupire tutti gli appassionati sportivi e non solo: dal blu del mare e il verde della Costa dei Trabocchi, infatti, i ciclisti in gara raggiungeranno il bianco della neve di Campo Imperatore, l’altopiano carsico piu’ esteso d’Europa, oggetto di abbondanti precipitazioni nevose proprio negli ultimi giorni. Sapremo offrire quindi una varieta’ paesaggistica straordinaria come spettacolo visivo per gli spettatori e molto impegnativa dal punto di vista sportivo”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Pettinari: emergenza idrica non è più sostenibile

“L’emergenza idrica non è più sostenibile per i tanti anziani, disabili, minori, fragili costretti a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *