Camusso: in Abruzzo si pagano ancora conseguenze rispetto al terremoto

“La priorita’ del Governo Gentiloni deve essere l’occupazione, in primo luogo quella dei giovani. Non si puo’ commentare l’esito del referendum dicendo che e’ l’effetto del disagio sociale e poi continuare una politica che non lo affronta e non gli da’ soluzioni”. Cosi’ il segretario della Cgil, Susanna Camusso, a margine di un incontro a Pescara. “Il lavoro – ha ribadito – e’ la priorita’: lavoro come diritti, come qualita’, come necessita’ di creazione e come prospettiva dei giovani. Bisognerebbe finalmente rimetterlo al centro”. 

 La sindacalista, evidenziando che “i dati parlano dell’esistenza ancora di un grande problema di trasformazione di crisi dell’assetto produttivo”, ha affermato che “o si investe e si costruiscono le condizioni di un effettivo e concreto piano del lavoro oppure continuiamo ad invocare la crescita, ma a non avere le politiche economiche che la sostengono”. Parlando della situazione abruzzese, Camusso ha infine osservato che “qui si pagano ancora conseguenze rispetto al terremoto, alle scelte che poi ne sono derivate e anche al blocco di lungo tempo della ricostruzione”.

“Comunque si votera’ dopo e dal tema non si scappa”, ha detto ancora Camusso, soffermandosi sull’ipotesi che si vada alle elezioni in primavera per scongiurare il referendum sul Jobs Act, un modo, secondo Camusso, “per farsi del male”. “Credo che stia al presidente della Repubblica da un lato e – ha concluso la sindacalista – alla politica dall’altra, decidere come funziona la legislatura”

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Coldiretti, 1.8 milioni di turisti in tenda, roulotte o camper

Sono circa 1,8 milioni i turisti italiani che hanno deciso quest’estate di trascorrere la vacanza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.