Cdp, 70 Enti locali in Abruzzo rinegoziano oltre 3.000 mutui per un debito residuo complessivo di 370 milioni

Sono all’incirca 70 gli Enti Locali dell’Abruzzo che rinegoziato oltre 3.000 mutui per un debito residuo complessivo di 370 milioni, liberando risorse pari a circa 20 milioni. È il risultato raggiunto nella Regione dal piano di rinegoziazione dei mutui di Cassa Depositi e Prestiti (CDP) con Comuni, Province e Città Metropolitane, avviato a inizio aprile per sostenere gli Enti Locali, liberando fondi che potranno essere immediatamente utilizzati sul territorio con interventi mirati a favore della popolazione. Si tratta della più estesa operazione di rinegoziazione dei mutui realizzata negli ultimi anni da CDP, insieme a quella attivata nel 2020 per far fronte all’emergenza epidemiologica da Covid-19.

L’iniziativa ha consentito agli Enti di rinegoziare oltre 30.000 prestiti per un debito residuo totale di circa 7,3 miliardi (il 30% del totale rinegoziabile) e di liberare così fino a circa 320 milioni di risorse nel periodo 2023-2024 da utilizzare, tra l’altro, per far fronte alle esigenze finanziarie determinate dal difficile contesto di aumento dei costi energetici e delle materie prime. La misura, che per la prima volta ha previsto un processo di adesione interamente digitale, ha interessato in maniera capillare l’intero territorio nazionale. Al Nord hanno aderito oltre 200 Enti, al Sud e nelle Isole più di 400 e al Centro circa 150.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Comuni Rinnovabili 2024, Tauro (Legambiente): l’Abruzzo acceleri su comunità energetiche e grandi impianti da rinnovabili

Con 5,79 GW di nuove installazioni di rinnovabili nel 2023, in Italia dopo 12 anni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *