Cgia, Salario minimo gia’ oggi superiore a 9 euro

Il salario minimo per legge a 9 euro lordi all’ora non serve perche’ con il Tfr c’e’ gia’. Il problema sono i contratti ‘pirata’. Se conteggiamo anche la liquidazione (o Tfr), istituto che tra i grandi paesi d’Europa e’ presente solo in Italia, nei Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro (Ccnl) sottoscritti dalle principali associazioni datoriali e sindacali, la retribuzione oraria e’ gia’ oggi superiore ai 9 euro lordi; anche in quasi tutte le categorie dell’artigianato che, tradizionalmente, e’ il comparto che conta i livelli retributivi d’ingresso piu’ bassi tra tutti i settori economici del Paese. A dirlo e’ l’Ufficio studi della Cgia.

Ma per ottenere una busta paga più pesante una legge sulla rappresentanza non basta: “il problema di basse retribuzioni nette in Italia resta. Per renderle più consistenti siamo convinti che non sia sufficiente normare solo la rappresentanza sindacale: bisogna tagliare anche le tasse e i contributi. Una operazione che è iniziata con il Governo Renzi ed è proseguita, in modo del tutto insufficiente, con gli esecutivi Gentiloni e Conte 1”, dice ancora la CGIA che ribadisce come quel salario minimo che la politica vorrebbe fissare a 9 euro esista gia’. “Le buste paga attuali già prevedono di fatto una retribuzione di 9 euro lorde all’ora. Se oltre alla liquidazione o al Tfr aggiungiamo anche le quote retributive riconducibili ai contratti integrativi regionali e/o aziendali, al welfare aziendale e alle altre indennità non incluse nelle tabelle retributive dei rispettivi contratti di riferimento il minimo salariale è ben sopra i 9 euro lordi all’ora, anche nell’artigianato”, ripete mettendo in guardia anche da un pericoloso “effetto di trascinamento”. “Chi ritiene sia necessario introdurre per legge il salario minimo non tiene conto anche dell’effetto trascinamento che questa misura comporterebbe. Se, infatti, si ritoccasse all’insù la retribuzione prevista dai Ccnl per i livelli più bassi, portandola a 9 euro lordi, la medesima operazione dovrebbe essere effettuata anche per gli inquadramenti immediatamente superiori. Diversamente, molti lavoratori si vedrebbero ridurre o addirittura azzerare il differenziale salariale con i colleghi assunti con livelli inferiori, pur svolgendo mansioni superiori a questi ultimi”, conclude.

 

 

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Settore pizza duramente colpito dalla pandemia in Abruzzo, -28,4 per cento

L’Abruzzo e’ una delle Regioni che ha subito i maggior contraccolpi della pandemia per quanto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.