Coronavirus, l’Abruzzo torna in zona gialla

L’Abruzzo, dopo due mesi e mezzo, da lunedi’ torna in zona gialla come sancito dalla Cabina di regia nazionale, con il monitoraggio settimanale che fotografa il miglioramento costante cui si assiste ormai da settimane. A seguire si e’ riunita anche l’Unita’ di crisi regionale, che ha ridefinito la mappa dei comuni in zona rossa che passano da 28 a undici: sette nell’Aquilano e quattro nel Teramano. La relativa ordinanza, firmata in serata dal governatore Marco Marsilio, sara’ in vigore da lunedi’ a domenica 2 maggio. Nell’ultima settimana, in Abruzzo, l’indice Rt ha ripreso a scendere ed e’ arrivato a 0.84. Contestualmente si e’ alleggerita ancora la pressione sugli ospedali, con il tasso di occupazione dei posti letto che e’ sceso in modo significativo. Restano in zona rossa undici Comuni che registrano una incidenza superiore a 250. Escono dalle maggiori restrizioni i centri piu’ importanti della Marsica che dopo il periodo di regole piu’ rigide hanno registrato una diminuzione dei contagi. “L’Abruzzo torna in zona gialla – dichiara Marsilio al termine della riunione dell’Unita’ di crisi – Il numero dei contagiati e’ in diminuzione, abbiamo la provincia di Pescara che questa settimana ha registrato parametri da zona bianca, essendo sotto i 50 casi ogni centomila abitanti, l’intero Abruzzo e’ sceso sotto cento. Alcune situazioni continuiamo a monitorarle anche perche’ con la riapertura delle scuole si sono registrati alcuni focolai. E’ evidente che con la riapertura delle attivita’ all’aperto ci potranno essere maggiori rischi, quindi bisogna sempre tenere alta la guardia e utilizzare tutte le precauzioni con le misure di protezione con la massima serieta’”. “Le scuole riapriranno, cosi’ come deciso dai dirigenti scolastici, in presenza al 70% e al 100% nelle quinte classi dove gli studenti si stanno preparando per gli esami di maturita’”, annuncia il presidente, precisando che le stesse percentuali di presenza saranno valide anche a Giulianova, unico comune, tra gli undici in zona rossa, ad ospitare istituti superiori. Intanto, sul fronte vaccini, per gli over 60 sara’ possibile ricevere la somministrazione di una dosa di AstraZeneca senza appuntamento. Le Asl di Pescara e L’Aquila stanno organizzando i punti vaccinali, che saranno operativi da domenica.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Raccolta differenziata al 62 % in Italia

L’Italia va sempre meglio in economia circolare, stando ai dati degli ultimi due rapporti 2019 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *