Cresce l’indebitamento delle famiglie, i dati dell’Abruzzo per la Cgia

L’importo medio dell’indebitamento per nucleo famigliare presente in Italia ha toccato 22.710 euro al 31 dicembre 2022. Complessivamente lo stock dei debiti bancari in capo a tutte le famiglie italiane si e’ attestato sul livello record di 595,1 miliardi di euro ed e’ aumentato del 3,5% rispetto al 2021. A elaborare il dato e’ l’Ufficio studi della Cgia che a seguito di questi risultati paventa un altro rischio: “la recrudescenza dell’usura”.

Lo stock dei debiti e’ in aumento, annota l’associazione, “a causa dell’inflazione, dell’incremento del costo dei mutui e dell’impennata delle bollette che hanno segnato negativamente gran parte dell’anno scorso, la situazione e’ critica, ma ancora sotto controllo”. E’ probabile che l’incremento dei debiti sia in parte riconducibile alla forte ripresa economica avvenuta nel biennio 2021-2022. Le aree provinciali piu’ esposte economicamente sono anche quelle che presentano i livelli di reddito piu’ elevati. Sicuramente in queste realta’ tra gli indebitati ci sono anche nuclei appartenenti alle fasce sociali piu’ deboli. Tuttavia, “il maggiore indebitamento di questi territori potrebbe essere riconducibile ai significativi investimenti avvenuti negli anni scorsi nel settore immobiliare che, ovviamente, sono in massima parte ascrivibili alle famiglie che hanno un buon tenore di vita”. Nel Mezzogiorno la situazione e’ meno critica che nel resto del Paese, anche se il peso dell’indebitamento delle famiglie piu’ povere e’ sicuramente maggiore che altrove. Va poi ricordato che la maggiore incidenza del debito sul reddito si registra nelle famiglie economicamente piu’ vulnerabili, ovvero in quelle a rischio poverta’ ed esclusione sociale.

Con il progressivo rallentamento dell’economia e il conseguente rallentamento dei prestiti bancari alle imprese avvenuto negli ultimi mesi, non e’ da escludere, ipotizza la Cgia, che sia in atto un “avvicinamento” delle organizzazioni criminali verso le micro aziende a conduzione familiare: come gli artigiani, i negozianti e tante partite Iva.

Le famiglie piu’ in rosso sono quelle della provincia di Milano, con un debito medio di 35.342 euro (+5,1% rispetto al 2021); al secondo posto quelle di Monza-Brianza, con 31.984 euro (+3%) e al terzo i nuclei residenti a Bolzano, con 31.483 euro (+5%). Per l’Abruzzo Abruzzo l’indebitamento delle famiglie è cresciuto del 2,6 per cento e tocca quota 9.525 milioni e gli impieghi per famiglia ammontano a 17.061 euro.  A livello provinciale a Pescara l’incremento è del 2,3 per cento, a Chieti dell’1,8 per cento, a Teramo del 2,8 per cento (sopra la media regionale) e all’Aquila del 3,7 %, la quota più alta a livello regionale in termini di incremento percentuale. 

Le famiglie di Roma mostrano un debito medio che ammonta a 30.851 euro (+2,8%) e quelle di Como, con 30.276 euro (+3,8%). Tra le meno esposte, invece, le famiglie residenti nella provincia di Agrigento, con un debito di 10.302 euro (+3%) e quelle di Vibo Valentia, con 9.993 euro (+1,9%). Infine, le famiglie meno indebitate si trovano a Enna, con un rosso pari a 9.631 euro (+3,6 %).

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Tragico incidente stradale sulla Statale 16 a Vasto, tre morti

Tre morti e un ferito: e’ il tragico bilancio di un incidente stradale avvenuto in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *