Evasione fiscale, nel 2022 recuperati 20 miliardi di euro secondo la Cgia

Nel 2022 il fisco ha recuperato dalla lotta all’evasione oltre 20 miliardi di euro. Questo dato, annunciato dal ministero dell’Economia e delle Finanze nei mesi scorsi, è la dimostrazione che negli ultimi anni la lotta contro l’infedeltà fiscale “sta dando i suoi frutti”. A comunicarlo è l’ufficio studi della Cgia di Mestre. Tra il 2015 e il 2021, ad esempio, l’evasione in Italia è scesa di 16,3 miliardi di euro. Sebbene il 2020 sia stato un anno molto particolare a causa della pandemia, il tax gap stimato dal Mef è sceso a 89,8 miliardi di euro; di cui 78,9 sono ascrivibili al mancato gettito tributario e gli altri 10,8 miliardi sono il frutto dell’evasione contributiva.

Pur non potendo contare su quasi 79 miliardi di euro di tasse ogni anno, un importo che rimane ancora straordinariamente elevato, l’amministrazione finanziaria italiana sembra essere riuscita a imboccare la strada giusta per combattere efficacemente questa piaga sociale ed economica. Tra la compliance fiscale, lo split payment, la fatturazione elettronica e l’invio telematico dei corrispettivi, una serie di contribuenti – tra cui gli evasori incalliti, chi riceveva i pagamenti dallo Stato per un servizio o una prestazione lavorativa resa e poi non versava l’Iva e, infine, i professionisti delle cosiddette ‘frodi carosello’ – sono stati indotti a ravvedersi. Anche il leggero calo della pressione fiscale registrato in questi ultimi anni “ha sicuramente avuto un effetto positivo sul fronte delle entrate”, afferma la Cgia. Sebbene sia ancora del tutto insufficiente, la contrazione del carico fiscale ha contribuito, in parte, a ridurre l’evasione, soprattutto quella che in gergo viene chiamata di ‘sopravvivenza’. Purtroppo, chi è completamente sconosciuto al fisco continua imperterrito a farla franca, così come le organizzazioni criminali di stampo mafioso che sempre con maggior dedizione seguitano a coltivare i propri traffici illegali. Poco ‘sensibili’ alla fedeltà fiscale lo sono anche quelle multinazionali e i giganti del web che, in Italia, realizzano profitti milionari, ma la stragrande maggioranza delle imposte le versano nei Paesi a elevata fiscalità di vantaggio. Nel 2022 risultato record: sottratti agli evasori 20 miliardi. L’anno scorso, in sostanza, l’erario ha incassato 68,9 miliardi in più di entrate tributarie e contributive, ha recuperato in un solo anno 20,2 miliardi di evasione e ‘bloccato’ 9,5 miliardi di frodi. Sempre sul fronte delle entrate, il trend positivo è proseguito anche in questa prima parte del 2023. Sempre secondo il Mef, nei primi tre mesi di quest’anno, rispetto allo stesso periodo del 2022, le entrate tributarie e contributive sono cresciute complessivamente di 4,7 miliardi di euro (+2,7 per cento).

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Dal primo ottobre arriva la patente a punti per la sicurezza sul lavoro

Dal 1° ottobre 2024 scatta l’obbligo di possedere la patente a punti per le imprese …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *