Fatturato dei servizi in aumento nel terzo trimestre del 12,4%

Nel terzo trimestre 2022 l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi cresce del 2,2% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un aumento, in termini tendenziali, del 12,4%. “Continua, commenta l’Istat, per il settimo trimestre consecutivo, la crescita dell’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi. Il livello complessivo dell’indice è ben superiore a quello prepandemico del quarto trimestre 2019, tuttavia si evidenziano forti differenziazioni settoriali. I maggiori incrementi, in questo arco temporale, si registrano nel settore del magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti (+41,3%) e del commercio all’ingrosso (+24,1%). Ancora sotto il livello prepandemico il trasporto aereo (-13,8%) e il commercio di autoveicoli (-7,0%)”.

Nel terzo trimestre 2022 si evidenzia una crescita congiunturale in tutti i settori. Gli incrementi maggiori si registrano per le Attività dei servizi di alloggio e ristorazione (+5,4%) e per il Trasporto e magazzinaggio (+3,9%). Aumenti più contenuti si hanno per i Servizi di informazione e comunicazione (+2,1%), per il Commercio all’ingrosso, commercio e riparazione di autoveicoli e motocicli (+1,7%), per le Attività professionali, scientifiche e tecniche (+1,6%) e per le Agenzie di viaggio e i servizi di supporto alle imprese (+1,3%). Anche in termini tendenziali si registra una crescita in tutti i settori. Aumenti consistenti contraddistinguono le Attività dei servizi di alloggio e ristorazione (+20,9%), il Trasporto e magazzinaggio (+19,9%), le Agenzie di viaggio e servizi di supporto alle imprese (+11,9%) e il Commercio all’ingrosso, commercio e riparazione di autoveicoli e motocicli (+10,8%). L’incremento è più contenuto per le Attività professionali, scientifiche e tecniche (+7,3%) e per i Servizi di informazione e comunicazione (+6,6%).

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Caro energia, impennata del 125 per cento dei costi all’Aquila

I comuni italiani sono stati costretti a sborsare ciascuno, in media, oltre 121mila euro in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *